A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Niente sarà più come prima a Genova


Chi non vive a Genova non può saperlo, non può capire quanta paura ci facesse quel ponte e quanto malvolentieri ci passavamo sopra o sotto, non può capire il rapporto di amore e odio che passava tra ogni genovese e quell’opera monumentale, non può capire quanto  profondamente inciderà per anni sulla vita quotidiana di chi vive in periferia questa tragedia. Ieri è simbolicamente crollato il mito della Genova industriale, del […]

Continua a leggere →

In ricordo di Claude Lanzmann, che non avrebbe messo la maglietta rossa.


E’ morto, a novantadue anni, dopo una vita ricca di incontri, riconoscimenti e polemiche, Claude Lanzmann, autore di Shoah, il film definitivo sull’Olocausto, tutto quello che è stato girato prima e dopo, al confronto, non conta nulla. Shoah dura nove ore, non è fatto di sequenze scioccanti e non racconta storie edificanti, semplicemente si limita a intervistare i testimoni, a sentire chi , in prima persona, ha visto e sentito. […]

Continua a leggere →

La rabbia di una zecca


Quanto deficit di umanità ci vuole per falsificare le foto di tre bambini morti ? Quanto squallore interiore è necessario per arrivare a una carica di governo e condurre una guerra senza quartiere contro gli ultimi aizzando odio e rabbia contro un nemico che non esiste e che può solo lanciare urla silenziose? Perché un buffone che vive da sempre sulle spalle degli altri, incolto, rozzo, bugiardo, un essere umano […]

Continua a leggere →

Piccole storie di quotidiano fascismo


Rita Pavone attacca i Pearl Jam, e, già così, la notizia è esilarante.  Una mediocre cantante di musica leggera italiana che attacca quello che, probabilmente, è il più grande gruppo rock in attività, non può che far ridere. Quando però si scopre il motivo di quell’attacco, si mette da parte il sorriso. I Pearl jam sono rei di aver invitato, prima di una cover di Imagine durante il concerto, (entusiasmante), […]

Continua a leggere →

Waldo Basilius, tra Tim Burton e i fratelli Grimm


Trovo assai riduttivo definire Waldo Basilius, di Tiziano Fratus, ed. Pelledoca, un racconto per ragazzi., come trovo riduttivo definire i disegni di Emanuele Giacopetti che completano il racconto semplici illustrazioni. Siamo di fronte a una gothic novel straniante, a metà strada tra le storie nere di Tim Burton e a quelle nerissime dei fratelli Grimm, un romanzo di formazione che è anche un apologo sulla condizione umana, un divertissement amaro in cui […]

Continua a leggere →

Pro o contro non si sa bene cosa


Ormai è un format consolidato:  Salvini dice una cazzata, altro non sa fare da decenni, Fusaro, enorme paraculo di genio, aizza la polemica con forbita cialtronaggine e sui social si infiamma la polemica, perdendo di vista il nodo cruciale del discorso. Questa volta è toccato a Saviano, personaggio controverso, con cui spesso mi trovo in disaccordo. Mentre trovo nella sostanza e non nei toni, insopportabili, la critica di Fusaro, che […]

Continua a leggere →

Elogio dell’eresia


Ormai è una lite continua, anche i più gandhiani tentativi di mantenere la calma franano  di fronte all’ottusa ostiunazione degli adepti, ai mantra ripetuti fino alla nausea, alla non so quanto voluta, incapacità di articolare un discorso usando lo spirito critico. Anzi, di articolare un discorso tout court. Non sono d’accordo con Stefano Bartezzaghi che oggi su Repubblica fa un’analisi impeccabile del populismo e dei modi in cui il virus […]

Continua a leggere →