Un bambino di cinque anni avvelenato ad Agrigento e due fratellini finiti in ospedale, fortunatamente dichiarati fuori pericolo. Il possibile movente dell’omicidio è a sfondo razziale, infatti i bambini sono stati avvelenati da una busta contenente dei cioccolatini che qualcuno ha messo dietro la loro porta.

Se si fosse trattato di tre bambini italiani, magari di buona famiglia, la notizia avrebbe occupato le prime pagine dei notiziari e dei telegiornali per giorni, trattandosi di tre bambini romeni, invece, nulla, poche righe in cronaca, come se uccidere bambini innocenti fosse ormai un dato di quotidiana violenza, come se il rischio di morire, per i bambini stranieri nel nostro paese, fosse messo nell’ordine delle cose. Da vomitare.

Prime pagine occupate dall’inutile balletto di inutili politici e pseudo rivoluzionari del cazzo che si annusano in attesa di formare il prossimo inutile governo e un bambino avvelenato perché parla una lingua diversa, finisce in un trafiletto. Non c’era bisogno della vicenda dei marò per  dimostrare che questo è un paese senza onore.

Argomento più leggero, che riguarda sempre i bambini: arriva una circolare dal Miur sugli alunni con bisogni educativi speciali che allarga, giustamente, la categoria di questi bisogni. La circolare prevede programmazioni personalizzate per questi alunni e l’utilizzo di strumenti dispensativi e  compensativi (computer, ad esempio). Bene, tutto molto meritevole. Peccato che sia aumentato il numero delle scuole a rischio, cioè quelle scuole che hanno al loro interno un alto numero di alunni con bisogni educativi speciali. Il Miur riconosce alle scuole a rischio una miseria di incentivi economici. Bene, essendo aumentato il numero di queste scuole, quindi essendo aumentata la necessità di finanziamenti, il Miur li ha dimezzati.

Da un lato  si richiede agli insegnanti di riempire tonnellate di carta, dall’altro gli si toglie la possibilità di mettere in atto quello che viene scritto in quelle tonnellate di carta. Un atteggiamento schizofrenico e anche schifosamente ipocrita. Perché così diventa molto semplice caricare sulle spalle degli insegnanti responsabilità che sono politiche. Sembra che per il Miur, negli ultimi anni, la principale necessità sia quella di salvare le apparenze, di legiferare inserendo principi inattuabili scaricando le proprie responsabilità e inadempienze sul corpo docenti. Purtroppo a fare le spese di questo disgustoso atteggiamento sono i bambini, i ragazzi, gli studenti che frequentano le nostre scuole.

Quando un paese si dimentica dei propri bambini, non ha cuore il proprio futuro e ha perso il senso della pietà. In Grecia, gli schifosi nazisti di Alba dorata, amici degli schifosi nazisti di Forza nuova, amici di Grillo,hanno proposto classi separate per gli alunni stranieri. Speriamo che il MIur non legga la notizia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...