A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Il Movimento cinque stelle e il ratto delle filippine


Il troppo è troppo. Mi tocca rinunciare per un momento al proposito di limitarmi a scrivere memorie di viaggio e recensioni (ma tornerò a farlo) perché c’è un limite a tutto. L’altra sera ho guardato l’ottimo programma di Telese su La7, l’unico programma di politica che ho visto questa estate e comprendo all’istante perché Grillo non vuole che i suoi vadano in tv: il crollo di consensi sarebbe inarrestabile.

A colpirmi, oltre all’arroganza da fanatici del capo che mostrano tutti, sempre, è la pochezza delle argomentazioni, il linguaggio approssimativo, l’italiano violentato, l’asserzione conclusiva che non lascia spazio al confronto.

Il più giovane dei due esordisce parlando del club Bilderberg di cui, a suo dire, gli italiano non sanno nulla e i media non parlano. E’ parecchio disinformato: i media ne parlano e chi si interessa di politica sa di cosa si tratta e chi ne fa parte, io, per lo meno, lo so da anni avendone letto sui giornali e sentito parlare in tv. Il giovane continua imperterrito a dire che la stampa fa disinformazione e tiene celate le notizie, nonostante le garbate proteste di Telese. Poi, come si trattasse della scoperta del secolo, afferma che Monti è il rappresentante italiano di Morgan Stanley, la banca che ha dato il via alla crisi e che è un rappresentante del club Bildeberg come Letta,che è stato chiamato a farne parte poco prima della sua elezione a presidente del consiglio.

Probabilmente il giovane resterebbe sconvolto alla notizia che Monti, quando assunse negli anni novanta la reggenza della Cattolica, venne fortemente contestato per le sue idee dagli studenti del movimento allora chiamato “La Pantera”, di cui ha fatto parte anche il sottoscritto.Eravamo no global in erba, quando ancora “globalizzazione” non era nato come termine. Contestavamo il sistema, la sperequazione sociale, la distruzione del sistema scolastico italiano appena cominciata. Internet non c’era ancora e le nostre email erano le scritte sui muri, la Digos veniva alle assemblee e non concludemmo un cazzo, come sempre accade e sempre accadrà.

Quanto al fatto che l’intellighenzia economica europea inserisca dei lobbisti in posti chiave nei governi dell’unione, dove sta la novità? Nei tristi comunicati delle Brigate rosse, si parlava del Sim, lo stato internazionale delle multinazionali, come della struttura che decideva i destini del mondo. Uno degli ideologici di allora, fuggito in Francia prima che le cose volgessero al peggio, un cattivissimo maestro per di più vigliacco, ha scritto, una decina di anni fa, un ottimo libro sull’argomento, dove parla anche del club Bilderberg. Non dico nè nome nè titolo perché non faccio pubblicità ne agli assassini nè ai loro mandanti.

Dove erano questi ragazzi quando si insegnava storia a scuola? Dov’erano loro e il loro guru quando nel 2001 Genova veniva messa a ferro e fuoco e si gettava fango su centinaia di migliaia di manifestanti, pestandoli a sangue, perché a gran voce proclamavano che un mondo nuovo è possibile? Dove erano questi piccoli saccenti quando si occupavano le università, quando in ogni balcone d’Italia comparivano le bandiere della pace?

Questi rivoluzionari virtuali credono di possedere la verità in tasca e di essere gli unici a vedere chiaro. Vorrei sapere quali sono i loro programmi in materia di stato sociale, scuola, sanità, pensioni, rilancio dell’economia, vorrei sapere cosa c’è dietro i turpiloqui isterici del comico miliardario, se davvero pensano di cambiare il mondo con internet, se davvero reputano nuova la loro idea di democrazia diretta, nata e fallita ad Atene nel V secolo. Ma quello fu un fallimento meraviglioso, il loro rischia di essere una farsa. Perché fino adesso, di concreto nelle loro proposte non c’è proprio nulla. E per favore non tiratemi fuori quei quattro provvedimenti del cazzo che hanno fatto votare.

Se l’opposizione in Italia è questa, il sistema può dormire sonni tranquilli. Francamente questo paese non aveva bisogno nè di altri miliardari fulminati sulla via di Damasco, nè di piccoli saccenti esaltati incapaci di affrontare un confronto aperto con le controparti. Controparti che hanno una storia alle spalle, bella o brutta, gloriosa o ingloriosa che sia e che meritano comunque rispetto. Il partito comunista italiano, i socialisti, perfino la ex Democrazia cristiana, la magistratura e i sindacati,hanno lapidi che commemorano i loro morti, morti perché questo paese avesse il diritto di scegliersi in tutta libertà da chi essere governato, morti in nome della democrazia.. Augurarsi i missili sul parlamento non è solo un’espressione rozza e qualunquista è anche un’offesa a quei morti. Questo paese ha vissuto il fascismo, il terrorismo, la mattanza mafiosa, ed è rimasto in piedi: cosa farebbero in condizioni analoghe questi cialtroni, questi soloni de noartri, questi arroganti sbarbatelli che pretendono di far lezione al mondo?

Ovviamente non sono tutti così, ci sono persone degne e con un cervello che funziona, all’interno del movimento, ma la maggioranza, purtroppo, è fatta di esaltati acritici che, se glielo dicesse il loro vate, si berrebbero la leggenda metropolitana del ratto delle filippine.

Oggi uno di loro ha affermato:”Nessuna alleanza, siamo in guerra”. La risposta più logica a tale affermazione l’ha data Sun Tzu, il citatissimo autore dell’Arte della guerra: se non conosci il tuo nemico, puoi vincere molte battaglie, ma perderai la guerra. Consiglio la lettura al comico.

Categorie:Attualità

Tag:, , , , , , ,

1 risposta

  1. 6 forte…proprio tù parli di amenità’

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...