A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Perché quei caschi sono un’offesa.


Prendiamo atto che una manifestazione non organizzata che crea disordini e su cui mette la propria firma un’organizzazione neonazista, ottiene non solo il plauso di Grillo (ditemi ancora che non è fascista, dai) ma anche quello di polizia e carabinieri  , gli stessi che non hanno avuto nessuna esitazione a massacrare i manifestanti a Genova nel 2001 e a pestare studenti e operai in più occasioni.

Quella di ieri è un pagina vergognosa della nostra storia, vergognosa e pericolosa. Vedere a Genova, città oltraggiata nel 2001, città medaglia d’oro della Resistenza, i poliziotti e i carabinieri togliersi i caschi e sorridere compiacenti ai fascisti, dà francamente il voltastomaco.

Se le forze dell’ordine devono tutelare l’ordine pubblico ieri non lo hanno fatto. I picchiatori del 2001 non erano riconoscibili per via dei caschi,quelli di ieri erano riconoscibilissimi. Non dovrebbero, per carità, subire provvedimenti severi, ma un richiamo ufficiale, quello sì. Un poliziotto non può decidere chi manganellare e chi no, un poliziotto deve fare il proprio dovere, sempre, usando gli stessi criteri e la stessa misura. Renzi è il cambiamento? Bene, cominci a chiedere ragioni di questo comportamento ai vertici di polizia e carabinieri.

Quanto a Grillo e alla sua foia forcaiola, il suo invito alle forze dell’ordine a non difendere lo Stato denuncia uno stato mentale ormai assai compromesso. Ce ne sarebbe d’avanzo per denunciarlo per istigazione a delinquere, dato che di fatto ha invitato le forze dell’ordine al colpo di stato.

Bisogna tenere la soglia d’attenzione molto alta: cito solo, e chi ha la mia età capirà al volo, cosa accadde in Cile poco prima del golpe di Pinochet. E non raccontatemi la favola che in Italia un colpo di stato è impossibile, dal momento che il paese è guidato da due anni da un governo frutto di accordi che hanno abbondantemente tradito il mandato elettorale.

Categorie:Attualità

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...