A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Il sonno della ragione non genera mostri ma coglioni.


 

Sheldon

Io credo che le centinaia di migliaia di persone scese in piazza a Roma qualche giorno fa per manifestare contro gli omosessuali ( di fatto, questo era il tema della manifestazione) siano idioti, fermo restando che anche gli idioti, in democrazia, hanno il diritto di manifestare le proprie opinioni.

Manifestare contro una preferenza sessuale non è da neanche una roba da Ku KLux Klan, è totalmente privo di senso logico. Al confronto, le miserabili campagne dell’osceno Salvini contro gli immigrati, sono capolavori di logica. Rettifico: Salvini ha appena manifestato la sua contrarietà all’introduzione del reato di tortura, perché i poliziotti devono svolgere il proprio lavoro liberamente: quindi razzista, fuori dalla costituzione e pure idiota.

L’idiozia è declinabile in molte categorie, a seconda delle funzioni che assume: c’è, ad esempio, l’idiots savant, brutta definizione che un tempo si dava agli autistici, spesso abilissimi ad esempio nel calcolo matematico ma privi della capacità di rapportarsi socialmente con gli altri. Una particolare categoria di autistici, gli Asperger, è ben rappresentata dal personaggio di Sheldon nella popolare serie Big Bang Theory. L’idiots savant non irrita, induce tenerezza e un po’ d’invidia, perché libero di dire tutto quello che pensa in qualsiasi contesto e in qualsiasi momento. Lo vorremmo essere tutti almeno per qualche momento. Ovviamente,gli idiots savants non sono tali, non a caso Sheldon è un genio, ma sono stati a lungo vittime del pregiudizio di chi teme tutto ciò che non capisce.

Esiste invece una categoria d’idioti che irrita moltissimo e non induce alcuna tenerezza: gli utili idioti, quelli che fanno il gioco del potere senza averne la consapevolezza, quelli che dicono ciò che pensano nel modo sbagliato e al momento sbagliato. Gli utili idioti sono privi di sovrastrutture e di sostrati culturali, nel nostro paese ne abbiamo esempi celebri: Bondi, il poeta di Berlusconi, Liguori, una delle tante lingue al servizio di Berlusconi, Veltroni e Bertinotti, l’opposizione che ha regalato Berlusconi, Grillo, l’opposizione che ha regalato il paese a Renzi, ecc..

Cambiato il vento, gli utili idioti sono passati dalla parte di Renzi e qui la lista è davvero troppo lunga, cito solo quelli più clamorosi, decisamente tendenti alla demenza: l’on. Picierno, il sottosegretario Falcone, il (presunto) ministro della pubblica istruzione Giannini, ecc. Ma utili  idioti sono ad esempio i deputati dell’Ncd che chiedono di eliminare dalla presunta riforma della scuola l’educazione gender, come dire: va bene devastare la scuola pubblica,mettere gli insegnanti sotto padrone, prendere per il culo centinaia di migliaia di precari, favorire in modo indecoroso la scuola privata, violare il dettato costituzionale con una riforma classista, ma, cazzo!, parlare di omosessualità in classe no, è davvero troppo. E poi cosa farebbero i giornalisti e gli psicologhi non potendo più scrivere dei ragazzi gay che si suicidano perché tormentati dai loro compagni? Non scherziamo, dai.

Non si possono che definire utili idioti particolarmente irritanti le centinaia di migliaia di persone di cui sopra. Hanno infatti permesso ai giornali di distogliere l’attenzione dai problemi reali del paese come, cito i più recenti, la distruzione della scuola pubblica a favore di quella privata, l’allentamento delle restrizioni sul gioco d’azzardo,un gentile omaggio alle mafie, l’indifferenza generale verso la cancellazione della Grecia dalla carta geografica, parlando del gender, parola che è diventata un tormentone anche sui social network, sempre pronti a cogliere il peggio di quello che circola nel paese.

Gli omosessuali e i trans, già offesi e vilipesi durante la manifestazione e dai quotidiani di destra, si trovano così trasformati in macchiette, vignette con battute da caserma, spersonalizzati ed deumanizzati da chi considera normale opprimere il prossimo per la pensa in modo diverso.

Intanto il regime assesta colpi su colpi alla democrazia: il demenziale pronunciamento della Consulta di ieri a proposito degli stipendi bloccati degli statali è un capolavoro di idiozia: recita che il blocco degli stipendi è anticostituzionale da ora in poi ma non lo era ieri. Come un herpes,l’incostituzionalità è giunta a sorpresa, dopo sei anni, ma ieri andava benissimo.

I giornali bypassano questa folle notizia senza nemmeno dedicare un piccolo editoriale, senza provare neppure a fare le pulci al potere, finanziati da quei gruppi che col potere vanno braccetto.

Nei forum, gli idioti di sempre inveiscono contro insegnanti e statali senza considerare che, quando suona la campana della repressione, presto o tardi suonerà anche per loro.  Ma noi non gongoleremo: saremo impegnati a resistere anche per gli idioti.

Dunque continuiamo a vivere immersi nel sonno della ragione, solo che ha smesso da tempo di partorire mostri: i mostri consumano delitti nei consigli d’amministrazione delle corporation, tessono trame nelle capitali mondiali, ordiscono infamie ed organizzano guerre nel segreto garantito loro dall’assordante fragore degli utili idioti. I mostri proliferano ormai autonomamente, senza bisogno di incubazione.

Oggi,in Italia, il sonno della ragione, genera solo poveri coglioni.

Categorie:Attualità

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...