A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

La sconfitta etica del Pd


Cosa si aspettava l’uomo che non è stato eletto e che è salito al potere accoltellando (metaforicamente) alla schiena un compagno di partito? Lealtà da una destra che ha accarezzato, imitato, blandito, con cui si è accordato per poi ripudiarla tenendosi, ad ogni buon conto, un piccolo drappello di guastatori necessario alla sopravvivenza del governo?

Cosa si aspettava, che gli insegnanti umiliati dalla “Buona scuola”, i lavoratori trimestrali del Jobs act, quelli ancora più sfigati che hanno dovuto restituire gli ottanta euro perché hanno guadagnato troppo poco, lo votassero in massa?

Oppure pensava che lo votassero gli azionisti di Banca Etruria, i romani dopo il modo inverecondo in cui è stato trattato il sindaco uscente, i torinesi dopo il ricatto molto poco di classe della bella addormentata nel bosco?

Forse credeva che il popolo della sinistra tradito, preso in giro, beffeggiato, accantonato come vecchio, da rottamare, restasse ottusamente fedele a una linea ondivaga, fluttuante, inesistente.

Non si scherza con le idee, non si fa politica con gli slogan, non si può far finta di cambiare tutto per non cambiare niente. Queste elezioni lo confermano.

L’uomo che non è stato eletto e i suoi sodali rappresentano la classe dirigente inetta, reazionaria, incapace di guardare al futuro se non in senso autoritario e autoreferente che da tempo immemore governa questo paese. La scelta di votare Cinque stelle da parte di molti elettori, è un invito a schiodarsi dalle poltrone del potere, o, quantomeno, a smetterla di raccontare favole,. E’ il rifiuto del trasformismo e della demagogia da parte di un elettorato che ha avuto bisogno di un po’ di tempo per capire che al governo non c’è il nuovo, ma il vecchio più vecchio con una nuova maschera.

Non posso che augurarmi che i Cinque Stelle si rivelino una alternativa credibile, che sotto il vestito poco elegante che indossano solitamente ci sia un progetto politico concreto, onestà vera e la capacità di avviare un discorso politico realmente nuovo.

Vedremo, per quanto riguarda l’uomo che non è stato eletto e la sua cricca, abbiamo già visto, troppo.

Categorie:Attualità

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...