A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Al di là del muro


muro

La notizia meriterebbe di occupare le prime pagine dei giornali per giorni, ma è quasi subito scomparsa, per lasciare spazio alle diatribe stucchevoli e un po’ nauseanti tra un bugiardo matricolato che vede in questi giorni pubblicati i numeri del suo fallimento e un comico folle, con la sua canea di adepti.

Ma al di là del muro che l’Inghilterra comincerà a costruire a Calais ci sono esseri umani sofferenti, un’umanità dolente e disperata di cui non importa niente a nessuno.

Al di là del muro ci sono possibilità, potenzialità, sogni di riscatto.

Al di là del muro ci sono lacrime e sangue, echi di guerra nelle anime, lamenti e urla nel silenzio,e una rabbia immane che sale come la marea.

Al di là del muro ci sono uomini con ma ni tese che nessuno stringerà.

Il muro è una barriera nella coscienza, una protezione contro la pietà, un’auto cecità inflitta per assolversi. Il muro è il trionfo dell’ipocrisia dell’Occidente, l’occultamento della prova che no, questo non è il migliore dei mondi possibili.

Il muro divide, i buoni e i cattivi, i bianchi e i neri, i normali e i diversi, chi è degno di vivere e chi no. Il muro è il simbolo della vigliaccheria e dell’inettitudine di un Occidente che non trova di meglio, per difendersi dal mondo che ha creato, dalle disuguaglianze, dalle miserie che hanno contribuito al suo benessere, che chiudersi in se’ stesso.

Il muro è una prova di debolezza, la sconfitta di quegli ideali che credevamo ormai consolidati, primo tra tutti, l’uguaglianza tra tutti gli uomini. Qualcuno ha scritto che la Rivoluzione francese ha terminato il suo percorso con la caduta del muro di Berlino: non è vero, la rivoluzione francese morirà con l’ultima pietra del muro di Calais.

Il muro è un’assurda difesa contro la verità: nessun uomo, neanche un inglese, è un’ isola e nessuno può dirsi libero se la libertà non è condivisa da tutti.

Categorie:Attualità, Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...