A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

La notte


download (2)

Mi sono sempre chiesto com’è cominciata. Ho letto De Felice, percependo la fascinazione dello studioso per l’oggetto di studio, descrizioni accurate ma non la spiegazione definitiva di come è stato possibile, ho letto Shirer, che ha visto l’orrore nascere e svilupparsi, lo ha descritto, ma, leggendo, in sottofondo senti l’incredulità, perché capire la discesa agli inferi di un’anima, entrare nei meccanismi che trasformano un uomo in un mostro è comunque impresa impossibile per chi un mostro non è.

Altri tempi, un altro contesto sociale, certo, la guerra appena finita con la sua eredità di dolore, una generazione cancellata, un’altra storpiata, la rabbia sociale di chi aveva dato il sangue senza ricevere nulla in cambio, la capacità dei mostri di intercettarla quella rabbia, di canalizzarla, di trasformarla in un’arma potente e feroce. Di disumanizzare la massa alterando in modo perverso l’uso delle parole. Klemperer è una lettura agghiacciante di questi tempi.

Leggendo i commenti sull’oscenità commessa ieri sera dall’attuale ministro degli interni, oltre all’indignazione, allo schifo, provo un brivido freddo lungo la schiena perché quello che manca, quello che si percepisce, è una progressiva disumanizzazione, la reificazione del prossimo, dopo averlo ridotto a “cosa” diversa da noi, il muro invalicabile dell’altro da me. Mi chiedo se anche allora è cominciata così.

Per la prima volta in tanti anni, dopo essere stato minoranza politica quasi sempre, mi sento minoranza umana, dalla parte di chi cerca, invano, di ragionare, di cercare altre strade che non siano quelle delle croci in fiamme dell’odio, di restare umano, coerente con le proprie idee senza lasciarsi trasportare del vento del pensiero comune.

E’ una brutta sensazione, e mi chiedo se, per questo paese, ieri sera non sia cominciata una lunga notte.

Categorie:Attualità, Cronaca

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...