A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Piccola storia kafkiana con una morale


Essere insegnante, oggi, significa anche, purtroppo, doversi tutelare dal punto di vista legale. Per questo ho ordinato presso Aruba un kit per la firma digitale, in modo da rendere immodificabili le numerose relazioni che, purtroppo, mi tocca ogni anno inviare al dirigente di turno e che spesso si smarriscono nel breve tragitto tra la mia sede e una segreteria oberata di lavoro.  Dal momento che, talvolta, tali relazioni contengono dati sensibili o meritevoli di attenzione da parte del giudice dei minori, comprenderete che la mia non è una preoccupazione di poco conto.

Il kit mi arriva martedì, con una puntualità diabolica, ma io non sono in casa e mia moglie non può ritirarlo perché serve la presenza fisica del ricevente. Mi viene lasciato un foglietto con un numero verde da chiamare per accordarsi su una seconda consegna. Mi risponde una gentile ragazza del call center  e ci accordiamo su una nuova consegna per il giorno seguente.  Non viene nessuno e richiamo il call center. Mi informano che la richiesta di consegna non era partita e che il sistema non ne permette un’altra, devo richiamare la mattina successiva. Richiamo il giorno seguente per tre volte, stessa storia. Faccio presente che,  se il pacchetto entro cinque giorni non viene consegnato, verrà rispedito al mittente e dovrò pagare un’altra spedizione. Niente da fare.

Il giorno dopo mi reco personalmente all’ufficio postale dove il pacchetto è depositato, a un quarto d’ora da casa mia (sic!). Una gentilissima impiegata mi fa vedere il pacchetto e mi dice che essendo una pec, la seconda riconsegna deve essere prenotata via call center. Chiama direttamente il call center e verifica di persona che le ho raccontato la verità. Mi lascia il numero dell’ufficio, dicendomi di riprovare e di chiamarla, perché in caso di esito negativo avviserà il direttore. Dopo altre due snervanti telefonate col call center, chiamo l’impiegata che stamattina mi richiama e mi dice che il pacchetto mi verrà recapitato dalla postina, come avviene regolarmente.

Dov’è la morale in questa storia? Una persona competente e gentile vale più di dieci (tante sono le telefonate al call center) persone gentili ma inesperte e impreparate. Non è vero, come vuole la vulgata del momento, che uno vale uno e tutti possono  fare tutto. La competenza ha un valore imprescindibile sia che tu ti occupi di lavare vetri che di amministrare la cosa pubblica, non ci si improvvisa ministri o presidenti della commissione cultura se non si hanno competenze adeguate che si acquisiscono solo con lo studio e l’esperienza. Semplicemente perché puoi essere presuntuoso o arrogante quanto vuoi , raccontare tutte le bugie che vuoi ma se sei un incompetente lo resti.

L’esperienza è un valore assai disprezzato oggi, in nome di un giovanilismo di maniera. Essere giovani sembra in sé un valore, e lo è, per certe cose, per altre, conta invece l’esperienza, la conoscenza profonda delle situazioni che si acquisisce solo col tempo. La mia generazione è stata abituata a guadagnarsi lavorando quel poco o tanto che ha ottenuto e per noi, al tempo, essere giovani, non era sempre un vantaggio. 

Il terzo insegnamento di questo piccolo apologo kafkiano è che il fattore umano, il rispetto dell’altro, la cortesia disinteressata, fa sempre la differenza e che una persona chiusa al prossimo svolgerà male il suo compito e sarà un danno per la società.

E’ una bella storia per chi la sa ascoltare, in un momento in cui tutti sono medici, ingegneri, esperti di economia ma pochi hanno la coscienza della dignità del proprio lavoro e purtroppo per loro, non godranno mai della soddisfazione di una lavoro ben fatto, come la gentilissima impiegata che mi ha risolto il problema insieme ai suoi colleghi.,

Categorie:Attualità

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...