A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Arte e spettacolo

Rispondere alla violenza con la violenza è fascismo


Sbagliano i colleghi che sui social difendono l’insegnante esagitata che augura la morte ai poliziotti, come testimoniato dal video che in questi giorni è circolato sui media e in rete. Sbagliano perché,  se c’è un messaggio che dobbiamo passare ai nostri ragazzi, è che la violenza, non importa se verbale o fisica, non è una soluzione, o meglio, è la soluzione di chi non possiede altri argomenti ed è quindi […]

Continua a leggere →

Memoria dell’Infamia


Sono emozioni contrastanti quelle che mi spingono a scrivere questo articolo. Da un lato, la visione limitata, di pochi minuti, del programma di Santoro di ieri sera, riguardante il razzismo, dall’altro la visione odierna di un film a mio parere bellissimo, Un sacchetto di biglie, un film che più che dell’Olocausto parla di solidarietà, del bene che si può incontrare anche nell’oscurità, dell’istinto di sopravvivenza che permette di trovare risorse […]

Continua a leggere →

Le fiction sulla mafia sono dannose?


Le critiche di Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro in prima linea nella lotta contro la ‘ndrangheta, riguardo l’opportunità di produrre fiction sulle mafie, non sono nuove. Poco tempo fa, ho avuto l’opportunità di assistere a un incontro con Enzo Monteleone, sceneggiatore di molti film di Salvatores e de Il capo dei capi, fiction che raccontava la vita di Totò Riina. In quell’occasione, molti colleghi presenti che venivano dal sud, criticarono […]

Continua a leggere →

Quando Dylan era in missione per conto di Dio


Periodicamente Bob Dylan, quasi fosse preda di una irrefrenabile compulsione autolesionista, fa qualcosa che disorienta, disgusta o sconvolge il suo pubblico. L’ha fatto al tempo della svolta elettrica, assurdo periodo in cui un artista che stava ponendo le basi per tutto quello che sarebbe venuto nel rock veniva aspramente contestato con l’accusa di aver tradito il folk e l’impegno, l’ha fatto con Self Portrait, semplicemente un disco orribile, l’ha fatto […]

Continua a leggere →

Le periferie della nostra (cattiva) coscienza


Socialmente pericolosi è un film che narra la vicenda, vera, di un giornalista che stringe un rapporto d’amicizia con un camorrista. Sullo sfondo di questa storia, c’è quella parallela di un’associazione fondata da Fabio Valente, il giornalista che è anche regista del film, il cui scopo è quello di offrire una possibilità di riscatto a un gruppo dei ragazzi dei quartieri spagnoli di Napoli. Un film dunque che, come altri, […]

Continua a leggere →

Di Rocco Schiavone, di ignoranza e code di paglia


Rocco Schiavone è il protagonista di una serie di romanzi scritti da Antonio Manzini, caratterizzati da una trama gialla robusta e assai curata e da un protagonista, Rocco, appunto, che sembra preso dalla grande tradizione del noir americano, quella di Dashiel Hammet e Raymond Chandler. Rocco è tormentato, incapace di elaborare il lutto per la tragica morte della giovane moglie,non beve come i suoi eponimi americani ma si fa una […]

Continua a leggere →

I politici che ci meritiamo


  Partiamo con un piccolo exemplum che appartiene alla sfera televisiva. Coliandro si è chiuso con un tripudio di pubblico osannante a Bologna e buone premesse per un’altra stagione. Una fiction di successo. Peccato che sia girata male, con episodi che scopiazzano qua e la le varie serie televisive americane, di ben altro livello, e abbia un protagonista ( senza nulla togliere alla bravura dell’attore) idiota, irritante,volgare, senza qualità. I […]

Continua a leggere →