A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Attualità

Non si torna indietro


Se anche la massa di incoscienti, inetti e disonesti che governa questo paese scomparisse domani, non esiste nessuna possibilità per questo paese di riacquistare una “normalità” a breve termine. Il solco tracciato dopo le ultime elezioni è troppo profondo per essere colmato da una sinistra che continua ostinatamente a rifiutarsi di comprendere il presente, divisa com’è tra la tentazione dell’uomo forte e una retorica ormai da tempo stantia, o da […]

Continua a leggere →

Per fortuna l’Europa non siete voi


L’Italia, se si eccettuano i paesi di Visegrad il cui peso specifico a livello politico è pari a zero e sono tollerati (a torto) solo per motivi strategici, è l’unico grande paese europeo dove le forze neofasciste e populiste sono al governo. Certo, la destra guadagna consensi in Francia e in Germania, ha già provocato l’uscita dall’unione dell’Inghilterra, ma fossi Di Maio e Salvini, e per fortuna, non lo sono, […]

Continua a leggere →

Lex mala lex nulla: dalla parte degli ultimi col sindaco di Riace


Non sono mai stato un paladino della legalità nè uno di quelli che dice che le sentenze vanno sempre rispettate. Da cattolico, mi pongo sulla linea della teologia della liberazione che, negli anni ’70, teorizzava la ribellione dei campesinos in un sud America, come atto del tutto lecito per contrastare la violenza fascista finanziata e promossa dagli americani. Non ho mai rispettato le sentenze del giudice Carnevale, chi ha qualche […]

Continua a leggere →

Finanziaria gialloverde: mantenere i privilegi, diminuire il welfare e aumentare il consenso.


Quello che doveva essere un movimento che avrebbe portato rinnovamento e pulizia, torna indietro di trent’anni, alla peggiore Democrazia cristiana. La finanziaria farisaica di Salvini e Di Maio è un pasticcio senza capo nè coda che non mette mano a nessuno dei problemi strutturali di questo paese, uno slogan pubblicitario privo di contenuto e ricco di conseguenze nefaste per il futuro del paese. I tanti adepti dell’uno o dell’altro capetto […]

Continua a leggere →

Piccola storia kafkiana con una morale


Essere insegnante, oggi, significa anche, purtroppo, doversi tutelare dal punto di vista legale. Per questo ho ordinato presso Aruba un kit per la firma digitale, in modo da rendere immodificabili le numerose relazioni che, purtroppo, mi tocca ogni anno inviare al dirigente di turno e che spesso si smarriscono nel breve tragitto tra la mia sede e una segreteria oberata di lavoro.  Dal momento che, talvolta, tali relazioni contengono dati […]

Continua a leggere →

Succede a Genova


Genova è il posto in cui vivo e lavoro, fino al luglio 2001 era anche la mia città, poi qualcosa è cambiato, si è e rotto, e oggi è solo il posto in cui vivo, ciò non significa che non mi stia cuore, solo che non la amo più. Ma questo non significa che mi piaccia vederla ferita e derisa. Succede a Genova che la città è spezzata in due […]

Continua a leggere →

Quando a scrivere di scuola è qualcuno che non sa cos’è la scuola


Chioso un  articolo abbastanza esilarante di  di tale Chiara Saraceno, editorialista di Repubblica,.che parla della riapertura delle scuole inanellando una serie di idiozie abbastanza rare anche per un giornalista. Cominciamo, l’articolo è tratto da Repubblica on line di oggi: ….Sarebbe legittimo aspettarselo, dopo tre lunghi mesi di vacanza in cui i bambini e i ragazzi sono stati affidati alle risorse, di tempo e finanziarie, delle loro famiglie, anche allargate – […]

Continua a leggere →