A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Cronaca

Anatomia dell’odio


  Carolin Emcke è una delle più importanti giornaliste tedesche. Ha lavorato in moltissime aree di crisi toccando l’odio con mano e raccontandolo. E’ lesbica e conosce il peso della discriminazione. Carolin Emcke ha scritto un libro bellissimo. Contro l’odio  edito in Italia da La nave di Teseo, la bella casa editrice fondata da Umberto Eco prima di lasciarci       A  Eco sarebbe piaciuto molto questo libro, per il rigore con […]

Continua a leggere →

Pamela non ha colpa, noi sì


Pamela era una bella ragazza di diciott’anni, con dei sogni concreti e l’incapacità di affrontare la vita, tanto da bruciarla dentro una pipa di crack. Pamela dovrebbe ricordarci che la droga sta tornando a falcidiare una generazione smarrita, che non  trova più riparo nella scuola, nella famiglia, nella società in  generale. Ci urla che dobbiamo tornare ad ascoltare i ragazzi e non possiamo continuare a lasciarli soli. Pamela è scappata […]

Continua a leggere →

Siamo lo stesso coinvolti


Adesso che è sotto gli occhi di tutti, adesso che nessuno, nemmeno il ministro Minniti, può far finta di non sapere, è evidente quello che molti hanno già scritto ignorati dai più: con la Libia è stato stipulato un patto scellerato,firmato col sangue dei migranti. Lunedì mattina non si è combattuta una battaglia, come titola oggi La Repubblica, ma nel Mediterraneo si è concluso l’ennesimo atto di un genocidio centellinato, […]

Continua a leggere →

Perché questa gente non mi rappresenta


Il mio post precedente tentava di dare una spiegazione dell’alto astensionismo che si è verificato in occasione della prima tornata delle comunali a Genova. Essendo stato accusato di generalizzare, mi sembra corretto e opportuno circostanziare i motivi per cui non mi sento rappresentato dai due candidati sindaco andati al ballottaggio e reputo stucchevoli, ipocriti e da sepolcri imbiancati non le legittime preoccupazioni di chi si sente minacciato da una possibile […]

Continua a leggere →

Prove tecniche di speculare idiozia


Solo nel paese dei cachi può accadere che il partito al governo si scinda, non per visioni diverse di una parte rispetto all’altra ma per pura sete di vendetta. Solo con questa categoria si può spiegare la mutazione bertinottiana di Bersani, D’Alema e compagni che, per altro, sono i primi responsabili dell’ascesa al potere di Renzi. Sono state infatti le loro politiche devastanti l’humus da cui è nato il renzismo. […]

Continua a leggere →

Io sto con quella madre


Ancora una volta mi tocca dissentire con la maggior parte delle opinioni, alcune autorevoli, espresse a mezzo stampa e sui social riguardo la tragedia di Lavagna. Le critiche, questa volta sono piovute sulla madre, oggetto di battute più o meno ciniche, più o meno giustificate, tutte impietose. Non so se quelle stesse persone, di fronte al viso disfatto dal dolore di quella madre, che si porterà dentro un carico di […]

Continua a leggere →

Non si può morire a sedici anni per un po’ di fumo.


Un ragazzo di sedici anni  si getta dalla finestra perché la finanza perquisisce casa sua dopo avergli trovato addosso un po’ di fumo: una notizia talmente assurda, una tragedia talmente grande che sarebbe stato opportuno tacere per qualche giorno prima di lanciare i soliti appelli per la liberalizzazione, cercando di conoscere meglio la dinamica dei fatti, nell’inutile tentativo di trovare un senso. Al contrario di tanti amici e persone che […]

Continua a leggere →