A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Cronaca

In ricordo di Claude Lanzmann, che non avrebbe messo la maglietta rossa.


E’ morto, a novantadue anni, dopo una vita ricca di incontri, riconoscimenti e polemiche, Claude Lanzmann, autore di Shoah, il film definitivo sull’Olocausto, tutto quello che è stato girato prima e dopo, al confronto, non conta nulla. Shoah dura nove ore, non è fatto di sequenze scioccanti e non racconta storie edificanti, semplicemente si limita a intervistare i testimoni, a sentire chi , in prima persona, ha visto e sentito. […]

Continua a leggere →

La rabbia di una zecca


Quanto deficit di umanità ci vuole per falsificare le foto di tre bambini morti ? Quanto squallore interiore è necessario per arrivare a una carica di governo e condurre una guerra senza quartiere contro gli ultimi aizzando odio e rabbia contro un nemico che non esiste e che può solo lanciare urla silenziose? Perché un buffone che vive da sempre sulle spalle degli altri, incolto, rozzo, bugiardo, un essere umano […]

Continua a leggere →

Pro o contro non si sa bene cosa


Ormai è un format consolidato:  Salvini dice una cazzata, altro non sa fare da decenni, Fusaro, enorme paraculo di genio, aizza la polemica con forbita cialtronaggine e sui social si infiamma la polemica, perdendo di vista il nodo cruciale del discorso. Questa volta è toccato a Saviano, personaggio controverso, con cui spesso mi trovo in disaccordo. Mentre trovo nella sostanza e non nei toni, insopportabili, la critica di Fusaro, che […]

Continua a leggere →

Elogio dell’eresia


Ormai è una lite continua, anche i più gandhiani tentativi di mantenere la calma franano  di fronte all’ottusa ostiunazione degli adepti, ai mantra ripetuti fino alla nausea, alla non so quanto voluta, incapacità di articolare un discorso usando lo spirito critico. Anzi, di articolare un discorso tout court. Non sono d’accordo con Stefano Bartezzaghi che oggi su Repubblica fa un’analisi impeccabile del populismo e dei modi in cui il virus […]

Continua a leggere →

La solita, vecchia storia


L’odierna Amaca di Michele Serra, cui la sconfitta elettorale ha indubbiamente giovato trasformandolo da laudator temporis agens durante l’egemonia renziana, nel giornalista acuto e pungente che tutti abbiamo amato in passato, fa il punto suoi motivi del successo di Salvini, diventato l’indubbio one man band di questo governo, data l’inconsistenza ideologica, programmatica e cerebrale del leader pentastellato. Secondo Serra, con cui concordo e dissento solo su un punto, il successo di Salvini […]

Continua a leggere →

La questione sociale dimenticata


Criticare il liberismo, la globalizzazione, ecc., come si legge da più parti e considerare il sistema in cui viviamo l’unico responsabile delle migrazioni, non serve a nulla, oltre a non essere del tutto corretto. Il più grande movimento antiliberista che si sia mai organizzato, si è sciolto come neve al sole sotto le manganellate di Genova nel 2001. Il tempo delle grandi utopie è ormai finito. Dare la colpa delle […]

Continua a leggere →

La notte


Mi sono sempre chiesto com’è cominciata. Ho letto De Felice, percependo la fascinazione dello studioso per l’oggetto di studio, descrizioni accurate ma non la spiegazione definitiva di come è stato possibile, ho letto Shirer, che ha visto l’orrore nascere e svilupparsi, lo ha descritto, ma, leggendo, in sottofondo senti l’incredulità, perché capire la discesa agli inferi di un’anima, entrare nei meccanismi che trasformano un uomo in un mostro è comunque […]

Continua a leggere →