A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Così vicini, così lontani


Leggo da “La Repubblica” di oggi che, una statistica sul rendimento dei ragazzi delle scuole elementari testimonia di un divario tra nord e sud: i ragazzi del meridione sono mediamente meno preparati di quelli del Settentrione. A parte il sospetto che si stiano preparando nuovi tagli di cattedre al sud e, come sempre quando si tratta di scuola, i giornali stiano preparando il campo, mi sembra che il sondaggio abbia […]

Continua a leggere →

Piattelli da tiro


Quando un giornale non ha notizie valide, niente scandali sessuali, niente incriminazioni per il presidente del consiglio, niente harakiri della sinistra, c’è un argomento su cui va sempre sul sicuro: la scuola e i privilegi dei professori. Basta leggere i due insulsi articoli del Secolo XIX nelle ultime due settimane. Le scuole hanno classi che scoppiano, non si dà più l’attestazione di disabilità agli alunni difficili, le norme di sicurezza […]

Continua a leggere →

L’esternalizzazione della democrazia


Esternalizzazione è una brutta parola usata per indicare una operazione di attribuzione di funzioni di competenza dello stato ad enti esterni, privati, per avere mano libera ed evitare i controlli a cui dovrebbe essere sottoposta ogni operazione del governo. Gli Stati Uniti con Bush hanno effettuato una massiccia esternalizzazione delle funzioni di competenza della difesa e i risultati li abbiamo visti in Afghanistan e in Iraq: mercenari che spadroneggiano come […]

Continua a leggere →

C’è un paese dove…


C’è un paese, un paese lontano, dove i sindaci del partito di maggioranza promuovono crociate contro le prostitute, le arrestano, schedano i loro clienti, le cacciano dai centri storici in nome della morale. Poi si viene a sapere che il capo del governo di quel paese , riceve interi pulmini di prostitute in una sede istituzionale, le paga profumatamente in moneta sonante o con la promessa di incarichi pubblici e, […]

Continua a leggere →

Una scuola per pochi


Il decreto legge che stabilisce che l’obbligo scolastico, dopo i quindici anni, può essere assolto con l’apprendistato, è un ennesimo passo in direzione di una scuola che sia sempre più elitaria, che escluda le classi meno abbienti dalla possibilità di accedere a titoli di studio elevati, una scuola che torni a essere appannaggio delle classi dirigenti. D’altronde, il disprezzo per la cultura e la svalutazione dello studio come mezzo di […]

Continua a leggere →

La politica da bar


“Meno immigrati uguale meno delinquenti” ha detto oggi il presidente del consiglio a Reggio Calabria, in occasione del consiglio dei ministri. Siamo dunque arrivati alla politica da bar, alla filosofia da autobus, al luogo comune più vacuo e trito della retorica leghista. Qualcuno dovrebbe spiegare al presidente che parlare come l’uomo della strada non implica necessariamente pensare come un uomo della strada, che i politici dovrebbero contribuire ad educare il […]

Continua a leggere →

Della geografia e di cose molto più grandi


Leggo sui giornali di sdegnate levate di scudi da parte di docenti e associazioni a proposito dell’eliminazione o sensibile riduzione delle ore di geografia dai curricola delle scuole superiori. In un mondo sempre più globale, dove i flussi di migranti cambiano ogni mese e masse di disperate arrivano dai più remoti angoli della terra, in un mondo in cui mangiamo cinese, indossiamo abiti confezionati in India, mastichiamo un inglese maccheronico […]

Continua a leggere →