A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

aNCORA E SEMPRE TERRONI


  Sui giornali e sui social torna la solita, irritante, ridicola spocchia nordista e, spesso, radical chic, pronta a spiegare il successo al sud del Movimento cinque stelle  con la promessa del reddito di cittadinanza e l’apertura di una nuova stagione di assistenzialismo. I soliti terroni che non vogliono lavorare, insomma. Che i renziani schiumino rabbia e cerchino, come d’abitudine, di trovare le cause del fallimento non nella loro linea […]

Continua a leggere →

Lettera aperta di un buonista


Da tempo  Genova non è più la mia città ma solo il posto dove, da figlio di migranti, sono nato e vivo. Una città che mi è estranea quanto mi era cara da giovane, che ha scelto di perdere ciò che la rendeva speciale per adeguarsi allo spirito del tempo. Una città sempre più grigia e triste che ha perso la memoria e arranca in un presente opaco e senza […]

Continua a leggere →

Rispondere alla violenza con la violenza è fascismo


Sbagliano i colleghi che sui social difendono l’insegnante esagitata che augura la morte ai poliziotti, come testimoniato dal video che in questi giorni è circolato sui media e in rete. Sbagliano perché,  se c’è un messaggio che dobbiamo passare ai nostri ragazzi, è che la violenza, non importa se verbale o fisica, non è una soluzione, o meglio, è la soluzione di chi non possiede altri argomenti ed è quindi […]

Continua a leggere →

L’analfabetismo sociologico dei nuovi potenti


Le manifestazioni di ieri, quelle di destra e quelle di sinistra, sono mera illusione, parate organizzate allo scopo di mostrare i muscoli prima della tornata elettorale. Una sinistra improvvisamente unita sui valori dell’antifascismo , dopo le coltellate che si sono scambiati per anni, fa semplicemente ridere e comunque bisognerebbe accordarsi su cosa intendiamo per fascismo. Non è fascista l’antisindacalismo di Renzi e l’imposizione di una riforma scolastica che mirava a […]

Continua a leggere →

La violenza in mezzo a noi


I femminicidi, gli  innumerevoli abusi  subiti quotidianamente da molte donne e non denunciati, gli atti estremi di bullismo, il cyberbullismo, i flames nelle chat, i commenti dei lettori sui forum dei quotidiani, sono segnali non colti di una violenza che sta salendo lentamente, giorno dopo giorno, attorno a noi e di cui nessuno sembra curarsi. Violenza verbale, fisica,mentale, quasi solida nella sua consistenza. Mille facce della stessa medaglia, espressioni diverse […]

Continua a leggere →

Contratto scuola: ritorno al passato per costruire il futuro


Con buona pace dei detrattori di ogni colore, quelli che accusano il sindacato di aver contrattato al ribasso e quelli che accusano il governo di avere, nei fatti, sconfessato la 107, due posizioni opposte e incompatibili entrambe dettate da non proprio nobili motivazioni politiche, l’art. 24 del nuovo contratto che definisce la scuola come “comunità educante” potrebbe rappresentare un inizio per ricostruire quello che alla scuola è stato tolto in […]

Continua a leggere →

Il regno animale: una graphic novel parla alla coscienza


Il regno animale di Emanuele Giacopetti è una graphic novel distopica, su un futuro prossimo venturo fin troppo presente in alcune parti del mondo, non troppo lontano in altre. Narra di una umanità devastata dalla guerra e da alterazioni climatiche, un’umanità per cui la migrazione è lo stato naturale, l’ultima traccia dell’istinto di sopravvivenza. La colonna, la forma di aggregazione naturale per questa orda di disperati, non contempla rapporti umani […]

Continua a leggere →