A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Le consapevolezze ultime di Aldo Busi


Solo un grande scrittore è in grado di cogliere perfettamente lo zeitgeist di un’epoca e solo Aldo Busi può spiattellarcelo davanti agli occhi in modo così impudico, oscenamente sincero, disturbante. Come in un lugubre carosello interpretato da fantasmi. L’ultimo libro dello scrittore di Montichiari non è solo un ferocissimo e perfido j’accuse, ma una fotografia dolente e dolorosa di un paese ridotto a una terra desolata, la constatazione di una […]

Continua a leggere →

Graziella, Simonetta, Cocò e gli altri: A futura memoria


   Graziella  Campagna aveva diciassette anni, è morta perché aveva trovato una carta d’identità in una giacca nella lavanderia dove lavorava, Cocò Campolongo aveva tre anni, bruciato in un’auto insieme al nonno e alla sua compagna, Simonetta Lamberti aveva dieci anni, uccisa da un proiettile destinato al padre magistrato. Sono solo tre della trentina di storie accennate nelle piastrelle commemorative dedicate alle vittime di mafia minorenni che potete osservate da […]

Continua a leggere →

La follia di Beppe Gambetta


L’acoustic night 2018, organizzata da Beppe Gambetta, in scena in questi giorni al Teatro della Corte,  è stata dedicata a Fabrizio De Andrè, in particolare al tentativo di universalizzare il suo messaggio portandolo nel mondo. Beppe Gambetta, i tedeschi Felix Meyer, cantante, ed Eric Manouz, polistrumentista  come lo scozzese Hugh McMillan, il cantautore canadese James Keelaghan e il jazzista genovese Riccardo Barbera, hanno offerto uno spettacolo di qualità altissima,  valorizzando […]

Continua a leggere →

Il viaggio senza Fine di Bob Dylan


  Ventisei anni fa ero al porto Antico di Genova, in licenza militare, ad ascoltare Bob Dylan. Non era in uno dei suoi momenti migliori ma ogni concerto di Dylan, riuscito o meno, vale comunque la pena, resta nella mente come certi paesaggi che non si dimenticano, come certe frasi fulminanti nei libri. Perché Dylan è Dylan, uno, nessuno e centomila. Ventisei anni dopo le nostre strade si incrociano di […]

Continua a leggere →

Se a scuola non si fa politica cosa si deve fare?


L’episodio è uscito su tutti i giornali.  Salvatore Borsellino, invitato in una scuola, risponde alla domanda di uno studente sulle connessioni tra mafia e politica citando Andreotti e Dell’Utri. Il preside lo redarguisce dicendo che a scuola non si fa politica e Borsellino non può fare altro che salutare e andarsene. E’ lo specchio dei tempi, la Buona scuola, i nuovi dirigenti. Nella mia città a dei docenti viene impedito […]

Continua a leggere →

La scuola non la fanno solo gli insegnanti


Quei dirigenti dell’ANP che hanno considerato una sciocchezza il concetto di scuola come “comunità educante” inserito nel nuovo contratto nazionale, dovrebbero provare un moto di vergogna, ammesso ne siano in grado,  alla luce dei recenti fatti di violenza che hanno avuto come vittime degli insegnanti. Ho letto molti articoli in proposito, generalmente equilibrati e ben argomentati, in qualche caso acuti, ma tutti, essendo redatti da persone anche illustri e autorevoli, […]

Continua a leggere →

Anatomia dell’odio


  Carolin Emcke è una delle più importanti giornaliste tedesche. Ha lavorato in moltissime aree di crisi toccando l’odio con mano e raccontandolo. E’ lesbica e conosce il peso della discriminazione. Carolin Emcke ha scritto un libro bellissimo. Contro l’odio  edito in Italia da La nave di Teseo, la bella casa editrice fondata da Umberto Eco prima di lasciarci       A  Eco sarebbe piaciuto molto questo libro, per il rigore con […]

Continua a leggere →