A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Succede a Genova


Genova è il posto in cui vivo e lavoro, fino al luglio 2001 era anche la mia città, poi qualcosa è cambiato, si è e rotto, e oggi è solo il posto in cui vivo, ciò non significa che non mi stia cuore, solo che non la amo più. Ma questo non significa che mi piaccia vederla ferita e derisa. Succede a Genova che la città è spezzata in due […]

Continua a leggere →

Quando a scrivere di scuola è qualcuno che non sa cos’è la scuola


Chioso un  articolo abbastanza esilarante di  di tale Chiara Saraceno, editorialista di Repubblica,.che parla della riapertura delle scuole inanellando una serie di idiozie abbastanza rare anche per un giornalista. Cominciamo, l’articolo è tratto da Repubblica on line di oggi: ….Sarebbe legittimo aspettarselo, dopo tre lunghi mesi di vacanza in cui i bambini e i ragazzi sono stati affidati alle risorse, di tempo e finanziarie, delle loro famiglie, anche allargate – […]

Continua a leggere →

Sotto il vestito ( e gli slogan) niente


Questo governo non ha una linea politica, ormai è chiaro a tutti. Non esiste un programma, un progetto sensato e a lungo termine che vada oltre gli slogan e il sadico infierire del ministro dell’Interno su chi non può difendersi.  Non c’è politica, confronto, discussione, non ci sono proposte di cambiamenti strutturali. Provvedimenti come il reddito di cittadinanza o la flat tax, che se attuati avrebbero conseguenze disastrose e comporterebbero […]

Continua a leggere →

La scuola al tempo dell’ipocrisia


Lunedì le scuole riaprono per i docenti, con il consueto corollario di incontri più o meno inutili, più o meno noiosi, più o meno necessari a gettare le basi per il lavoro del nuovo anno:per i ragazzi se ne parla tra un paio di settimane, a seconda dei calendari stabiliti dalle singole regioni. Quest’anno il mio stato d’animo è piuttosto tormentato all’idea di riprendere le attività, vuoi per la presenza, […]

Continua a leggere →

Uno squallido imbroglione con le spalle coperte


Salvini non delira, Salvini non è pazzo, è un lucido e cinico calcolatore della peggior specie, un imbroglione spietato e amorale. Il suo gioco sulla pelle di 170 disgraziati, tra cui uomini e donne malati, lo avrebbe portato comunque a vincere. O l’Europa cedeva al suo ricatto, accettando lo sforamento dei vincoli di bilancio così da poter inserire in finanziaria la flat tax, tanto cara ai ricchi imprenditori padani che […]

Continua a leggere →

Uomini diversi


Leggo con attenzione i post di alcuni amici di Facebook, persone di diversa estrazione sociale che fanno i mestieri più disparati, uniti dall’indignazione per quanto accade nel nostro paese e dalla volontà di fare qualcosa. Al contrario di me, sono persone pazienti, pacate, che replicano alle decine di commenti aggressivi, violenti, nauseabondi che ricevono i loro post. Io non sono così, è un mio limite, o meglio, lo sono in […]

Continua a leggere →