A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Perché uno degli assassini di Graziella Campagna era libero?


La notizia è di ieri e la si può leggere in rete, non sui quotidiani nazionali  che, evidentemente, non hanno ritenuto degno di nota il fatto che un mafioso condannato per due omicidi fosse in libertà  e fosse implicato un traffico di droga nel bar che gestiva insieme al fratello. Giovanni Sutera, insieme a Gerlando Alberti jr.,  freddò con cinque colpi di lupara, la sera del 12 Dicembre 1985, Graziella […]

Continua a leggere →

Santuario, di William Faulkner


I Inauguro, con  un classico di Faulkner, la sezione del blog dedicata alle recensioni.  Parlare del presente  incita a usare toni e argomenti che non gradisco, preferisco che a farlo siano le opere di chi ha saputo guardare lontano, purtroppo senza sbagliarsi. Il noir, per definizione, necessita di una redenzione,all’annientamento del male deve far da contraltare un riscatto morale che ristabilisce l’ordine naturale delle cose. Non c’è nulla di tutto […]

Continua a leggere →

Il Pm Zucca o della verità sotto gli occhi di tutti


Non si capisce lo scalpore suscitato dalle parole del Pm Zucca riguardo la profonda ipocrisia di uno Stato che chiede il rispetto delle libertà civili a un paese straniero dopo essere stato teatro della più grande sospensione di massa dei diritti civili dal dopoguerra a oggi in un paese occidentale  a cui ha fatto seguito una impunità per i responsabili che si è trasformata in beffa, con la promozione dei […]

Continua a leggere →

Gli invisibili


Non li vedi, quindi non esistono: sono nascosti, senza nome, rinchiusi in un mondo a parte che non ci riguarda, un mondo di giorni e notti interminabili, tutti uguali, dove a scandire le ore sono la noia e la paura, un  mondo dove non esiste mai il silenzio, violato dai rumori di cancelli che si aprono e chiudono, lamenti, bestemmie, pianti. I carcerati sono colpevoli, non sempre ma di solito […]

Continua a leggere →

aNCORA E SEMPRE TERRONI


  Sui giornali e sui social torna la solita, irritante, ridicola spocchia nordista e, spesso, radical chic, pronta a spiegare il successo al sud del Movimento cinque stelle  con la promessa del reddito di cittadinanza e l’apertura di una nuova stagione di assistenzialismo. I soliti terroni che non vogliono lavorare, insomma. Che i renziani schiumino rabbia e cerchino, come d’abitudine, di trovare le cause del fallimento non nella loro linea […]

Continua a leggere →

Lettera aperta di un buonista


Da tempo  Genova non è più la mia città ma solo il posto dove, da figlio di migranti, sono nato e vivo. Una città che mi è estranea quanto mi era cara da giovane, che ha scelto di perdere ciò che la rendeva speciale per adeguarsi allo spirito del tempo. Una città sempre più grigia e triste che ha perso la memoria e arranca in un presente opaco e senza […]

Continua a leggere →

Rispondere alla violenza con la violenza è fascismo


Sbagliano i colleghi che sui social difendono l’insegnante esagitata che augura la morte ai poliziotti, come testimoniato dal video che in questi giorni è circolato sui media e in rete. Sbagliano perché,  se c’è un messaggio che dobbiamo passare ai nostri ragazzi, è che la violenza, non importa se verbale o fisica, non è una soluzione, o meglio, è la soluzione di chi non possiede altri argomenti ed è quindi […]

Continua a leggere →