A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Un governo da commedia ( tragica)


Mi ero ripromesso di non parlare più di politica e, nonostante il titolo, il post parla di difficoltà d’apprendimento, disturbi ossessivo compulsivi, problemi di comprensione quindi materie di mia competenza che esulano dalle polemiche di questi giorni. Shylock, sublime e sgradevole personaggio shakespeariano, vero e assoluto protagonista del Mercante di Venezia , incarna alle perfezione il capro espiatorio, figura a cui René Girard ha dedicato le geniali riflessioni di una […]

Continua a leggere →

La scomparsa del sacro e del senso di comunità


  Parto da un post su Facebook di un giovane amico dalla mente lucida e di buone speranze e propositi. Scrive di non aver apprezzato la super messa ai funerali di Stato delle vittime e di non comprendere perché vada celebrata una messa in queste occasioni. In realtà, il giovane amico ignora che non c’è stata nessuna super messa ma una celebrazione sobria ed essenziale, come richiedeva l’occasione, con in […]

Continua a leggere →

Il silenzio che non c’è


Si medita in silenzio, un silenzio che è dialogo interiore, ricerca di connessione con le radici più profonde del nostro io, con quell’essenza impossibile da raggiungere ma che si può accarezzare, ascoltare, seguire. Si pensa in silenzio, per sciogliere nodi, affrontare problemi e trovare soluzioni. Si rispetta, spesso, più col silenzio che con tanta inutili parole, frasi fatte, retorica d’accatto. IL silenzio è importante, il silenzio è musica, il silenzio […]

Continua a leggere →

Niente sarà più come prima a Genova


Chi non vive a Genova non può saperlo, non può capire quanta paura ci facesse quel ponte e quanto malvolentieri ci passavamo sopra o sotto, non può capire il rapporto di amore e odio che passava tra ogni genovese e quell’opera monumentale, non può capire quanto  profondamente inciderà per anni sulla vita quotidiana di chi vive in periferia questa tragedia. Ieri è simbolicamente crollato il mito della Genova industriale, del […]

Continua a leggere →

In ricordo di Claude Lanzmann, che non avrebbe messo la maglietta rossa.


E’ morto, a novantadue anni, dopo una vita ricca di incontri, riconoscimenti e polemiche, Claude Lanzmann, autore di Shoah, il film definitivo sull’Olocausto, tutto quello che è stato girato prima e dopo, al confronto, non conta nulla. Shoah dura nove ore, non è fatto di sequenze scioccanti e non racconta storie edificanti, semplicemente si limita a intervistare i testimoni, a sentire chi , in prima persona, ha visto e sentito. […]

Continua a leggere →

La rabbia di una zecca


Quanto deficit di umanità ci vuole per falsificare le foto di tre bambini morti ? Quanto squallore interiore è necessario per arrivare a una carica di governo e condurre una guerra senza quartiere contro gli ultimi aizzando odio e rabbia contro un nemico che non esiste e che può solo lanciare urla silenziose? Perché un buffone che vive da sempre sulle spalle degli altri, incolto, rozzo, bugiardo, un essere umano […]

Continua a leggere →

Piccole storie di quotidiano fascismo


Rita Pavone attacca i Pearl Jam, e, già così, la notizia è esilarante.  Una mediocre cantante di musica leggera italiana che attacca quello che, probabilmente, è il più grande gruppo rock in attività, non può che far ridere. Quando però si scopre il motivo di quell’attacco, si mette da parte il sorriso. I Pearl jam sono rei di aver invitato, prima di una cover di Imagine durante il concerto, (entusiasmante), […]

Continua a leggere →