A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Il difficile mestiere d’insegnare


Da anni il mestiere dell’insegnante viene quasi quotidianamente denigrato e delegittimato dai media, dalla politica e perfino dall’organo che dovrebbe tutelarlo, quel ministero dell’Istruzione che ha visto avvicendarsi titolari improbabili. Siamo passati dalla scuola supermercato di Berlusconi e co. alla scuola-azienda renziana, senza ascoltare il parere di chi nella scuola lavora quotidianamente e guardandosi bene dall’intervenire sui problemi reali. Siamo passati dai Presidi, a volte autoritari ma più spesso interpreti […]

Continua a leggere →

Di favino, dei licei e altre amenità


  Confesso di non aver visto S. Remo. Lo trovo ormai da anni un programma di infima qualità e i dieci minuti in cui casualmente l’ho seguito, hanno confermato la mia opinione.  Trovo che la musica italiana presente al festival rappresenti il fondo del barile di un panorama non certo esaltante e la banale scontatezza della canzone vincitrice, non che lo stucchevole ritornello, ne sono la riprova. Ho visto su […]

Continua a leggere →

Pamela non ha colpa, noi sì


Pamela era una bella ragazza di diciott’anni, con dei sogni concreti e l’incapacità di affrontare la vita, tanto da bruciarla dentro una pipa di crack. Pamela dovrebbe ricordarci che la droga sta tornando a falcidiare una generazione smarrita, che non  trova più riparo nella scuola, nella famiglia, nella società in  generale. Ci urla che dobbiamo tornare ad ascoltare i ragazzi e non possiamo continuare a lasciarli soli. Pamela è scappata […]

Continua a leggere →

la trave nell’occhio


Questa campagna elettorale si sta distinguendo sia per la mancanza di una proposta di programma sensata, di lungo respiro e concreta, che vada al di là di affermazioni di principio demagogiche mirate a solleticare la pancia della gente, sia per la tendenza a scorgere le pagliuzze nell’occhio dell’avversario evitando di soffermarsi sulle travi nei propri  da parte di tutte le forze politiche in lizza. E’ stupefacente come Repubblica, per esempio, […]

Continua a leggere →

Non sono come te, quindi sono


Il problema non sta nella sindaca del varesotto che profana la giornata della memoria con un post idiota e omofobo, casomai sta in quelli che l’hanno eletta. Il problema non è Salvini e le assurdità che vomita quotidianamente, il problema sono quelli ( troppi) che gli stanno dietro, che gli regalano un consenso non oceanico ma comunque consistente. Il problema del razzismo e dell’intolleranza, che in Italia esiste ed è […]

Continua a leggere →

Memoria dell’Infamia


Sono emozioni contrastanti quelle che mi spingono a scrivere questo articolo. Da un lato, la visione limitata, di pochi minuti, del programma di Santoro di ieri sera, riguardante il razzismo, dall’altro la visione odierna di un film a mio parere bellissimo, Un sacchetto di biglie, un film che più che dell’Olocausto parla di solidarietà, del bene che si può incontrare anche nell’oscurità, dell’istinto di sopravvivenza che permette di trovare risorse […]

Continua a leggere →

la repressione del pensiero


Le forze di polizia sono organi repressivi dello Stato, la loro funzione è di tutelare l’ordine pubblico contrastando, anche con la forza, se necessario, tutto ciò che lo turbi. Funzione legittima e necessaria quando non se ne abusi. Per la loro natura, le forze di polizia sono tendenzialmente conservatrici e non è un mistero che molti agenti di polizia politicamente si collochino a destra , la stessa cosa accade per […]

Continua a leggere →