A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Dieci domande alla dirigenza della sinistra italiana


1) Perché non attaccate mai la Lega? Perché la sinistra italiana continua ad avere remore nell’attaccare una formazione politica chiaramente fascista, dichiaratamente razzista e xenofoba, allergica alla cultura e alla ragione? State forse pensando di distruggere definitivamente il partito alleandovi con quelli? Ma ci siete stati ad Adro? Perché avete permesso che, a telecamere spente, venisse reiterata l’ordinanza che toglieva il diritto alla mensa ai figli dei morosi, scippato l’appalto […]

Continua a leggere →

L’Italietta che verrà


E’ abbastanza patetico vedere il presidente Napolitano mentre cerca di festeggiare un Risorgimento su cui si sta ponendo in questi giorni una pesante pietra tombale. I continui richiami all’unità d’Italia, ai privilegi di Roma capitale suonano sempre più fievoli, echi di un passato che, ammettiamolo, glorioso non lo è mai stato, eccettuata la Resistenza e le grandi lotte operaie che hanno portato i nostri sindacati, quando ancora potevano definirsi tali, […]

Continua a leggere →

L’altra faccia della scuola


C’è stato un grande assente dalle pagine dei giornali che in questi ultimi giorni, come ogni Settembre, si sono ricordati che esiste una scuola italiana e che questo governo la sta mandando in rovina. C’è stato un legittimo e polemico dibattito sui precari, sulle classi troppo numerose, sui libri di testo troppo cari, sull’edilizia, scolastica, ecc., legittimo ma  strumentale a una o all’altra parte politica per rivolgersi accuse reciproche, incolparsi […]

Continua a leggere →

Pubblica (d)Istruzione


Adro può essere lo specchio di un futuro allucinante o solo l’ennesimo segnale della stupidità, dell’incompetenza, della inciviltà ormai dilaganti nel nostro paese. Certo che quando un deputato arriva a giustificare il mercimonio del proprio corpo in cambio di posti di prestigio, significa che il senso morale del paese è ormai ridotto ai minimi termini e dunque non può stupire più di tanto che un sindaco dai tratti lombrosiani e […]

Continua a leggere →

Il crepuscolo suicida del sindacalismo italiano


Piccola premessa (apparentemente) fuori tema: insegno italiano e storia e ci tengo che le parole vengano usate correttamente. Il termine “squadrismo” ricorre ultimamente piuttosto spesso sulla bocca di vari esponenti politici  a designare atti che vanno dall’espressione di un normale dissenso (fischi a Schifani), ad atti che testimoniano una notevole dose di stupidità criminale (il fumogeno lanciato a Bonanni). E’ un uso improprio in quanto il termine “squadrismo” designa un […]

Continua a leggere →

Un uomo onesto


Esiste una sola impresa in attivo in Italia, un’impresa che garantisce una redditività impensata, che offre dividendi altissimi ai suoi soci, che lancia messaggi chiari e inequivocabili: la criminalità organizzata. Un uomo onesto, che considera la politica uno strumento per fare il bene dei cittadini e, una volta eletto sindaco, si mette al servizio della comunità, un uomo che non tollera compromessi e che attua un controllo personale accuratissimo su […]

Continua a leggere →

La costituzione violentata


“Il comune elargirà 500 euro di premio per ogni bambino nato. Ma solo se entrambi i genitori sono italiani”. Il fine perseguito non è nel modo più assoluto di garantire sostegno a un bisogno. Il fatto è che la popolazione europea mostra un forte tasso di calo demografico. E’ del tutto ovvio che alla morte dei popoli si accompagna la morte delle rispettive culture. Il bonus attiene al futuro della […]

Continua a leggere →