A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Lettere dall’eremo del professore (V). Un confuso rumore di niente.


Con quest’articolo chiudo la serie delle “Lettere dall’eremo del professore” ovvero gli articoli scritti dalla casa in montagna dove passo le vacanze, anche se il termine “vacanza” con tre figli adolescenti assume sfumature e significati assai diversi dal consueto. E’ arrivato infatti il momento di tornare a immergersi nel caos della città dopo aver ricaricato le batterie e purificato i polmoni tra le montagne. Per gli insegnanti, l’anno comincia a […]

Continua a leggere →

Lettere dall’eremo del professore (IV). Aria di tempesta


Il cattivo tempo in vacanza è foriero di noia e malinconia ma in montagna non disturba come al mare, non regala quel che di squallido ha una località balneare bagnata dalla pioggia in piena estate. Lascia invece spazio a riflessioni pacate, a lunghe letture vicino al camino o alla stufa, all’esercizio della scrittura, al libero vagare dei pensieri. Non sarebbe male se a guastare l’atmosfera, un tempo che definire” da […]

Continua a leggere →

Lettere dall’eremo del professore (III). Condizionamento.


L’abbazia della Staffarda, la Sacra di S. Michele, l’abbazia di Novalesa, sono tre gioielli che chiunque si trovi a passare tra Mondovì e Torino dovrebbe visitare. In particolare l’abbazia di Novalesa offre la sorpresa di un gioiello di arte medioevale, la cappella di S. Eldrado, affrescata con immagini in stile bizantino che si sono conservate perfettamente grazie al particolare microclima. L’abbazia si trova in Val di Susa,  in un sito […]

Continua a leggere →

Lettere dall’eremo del professore (II). Cambio di prospettiva


Le grotte di Bossea sono una delle grandi grotte italiane. Una grotta “viva”, che cresce e muta seguendo ritmi e tempi che non sono propri dell’uomo ma della natura. Le sue dimensioni sono stupefacenti e, pur non possedendo la spettacolarità barocca ad esempio di Toirano, attraversarle è un’esperienza che lascia il segno. Forzando il paragone con la storia dell’arte, se le grotte di Toirano sono un esempio scintillante di barocco […]

Continua a leggere →

Discorsi da Osteria


Può apparire paradossale ma in questo angolo di montagna piemontese dove vengo a riposare in estate e a liberare la mente dalle scorie che si accumulano nel corso dell’anno, ritrovo molto del mio paese d’origine,  della mia amata Sicilia. Paradossale, in realtà non è. Intanto perché Saponara, il paese siciliano dove nasce la mia famiglia è, per i criteri isolani, quasi un paese di montagna, anche se in realtà si […]

Continua a leggere →

Una escursione nella memoria


Nella Pasqua del 1944 in valle Pesio, provincia di Cuneo, si combatté una furibonda battaglia tra i tedeschi e i partigiani. Questi ultimi si ritirarono attraverso le montagne e un gruppo di loro arrivò a Carnino da dove, tradito, dovette fuggire attraverso un’altra marcia forzata in alta montagna. Per ricordare questi fatti, il Gruppo partigiano Ignazio Vian ha organizzato un’escursione sui sentieri che videro, in mezzo alla neve, la ritirata […]

Continua a leggere →

Lettere dall’eremo del professore (I)


Partire per le vacanze dopo aver passato una bella serata con un vecchio amico che vedo troppo poco di frequente, aggiunge un surplus di malinconia a quella propria di ogni partenza. Specie se con l’amico in questione i discorsi  hanno riguardato la politica, l’amicizia e, inevitabilmente tra uomini, il calcio. Ma basta scorgere la casa in cui passo abitualmente le vacanze con la famiglia, il suo profilo da vecchio essiccatoio, […]

Continua a leggere →