A ciascuno il suo

Dell'attualità, della memoria e di altre amenità

Non è un paese per giovani


Ci sarebbe di che parlare per ore, oggi, tante e pessime sono le notizie sulle prime pagine dei giornali. Potremmo cominciare con la solidarietà espressa dal ministro degli interni e da quello della giustizia a due funzionari  di polizia condannati in appello per falsa testimonianza in occasione del pestaggio alla scuola Diaz, oppure del magnifico regalo fatto alla mafia prima con la mancata concessione a Spatuzza della protezione concessa ai […]

Continua a leggere →

La fiera dell’idiozia


Volevo parlare di altro oggi, ad esempio di Pomigliano e della posizione anacronistica e tardiva della sinistra che ha scoperto che la globalizzazione non è poi una bella cosa per i lavoratori, oppure di Sud Africa e vuvuzelas, di un paese dove la maggioranza bianca continua a detenere saldamente il potere economico incurante come sempre dello stato in cui versa la popolazione nera che, dal canto suo, ha deciso di […]

Continua a leggere →

La giustizia come optional


Scelgo oggi di commentare l’ottimo articolo di Giancarlo Caselli su Il Fatto Quotidiano riguardo i ripetuti attacchi del Presidente del consiglio  alla magistratura. In sostanza, dice Caselli,tali attacchi sono doppiamente irresponsabili perchè, da un lato minano la fiducia degli italiani in una delle istituzioni fondamentali dello Stato, dall’altra rischiano di dare il via a pericolose derive che rischiano di precipitare il paese in un incubo già vissuto. Si può affermare […]

Continua a leggere →

Bugie o incompetenza?


E’ possibile che il ministero della pubblica istruzione non abbia a disposizione i dati da lui stesso emanati lo scorso anno? E’ possibile che tutto quello che riguarda la scuola debba ridursi a sceneggiata in questo paese? E’ possibile che né maggioranza né opposizione riescano a far funzionare il cervello in modo appena normale? Veniamo ai fatti. Sulle pagine di tutti i giornali compare la notizie di un aumento delle […]

Continua a leggere →

Il potere della paura


Quando il caro amico che rappresenta il modello di insegnante a cui mi ispiro e a cui vorrei assomigliare, mi dice “leggi questo”, obbedisco. Si tratta in genere di libri o articoli di grande interesse, fuori dal mainstream, dall’informazione ufficiale. Obbedisco, dunque, e leggo un articolo di Lotta Comunista di gennaio intitolato “L’imbroglio ecologico al tempo dell’Asia”. L’articolo è estremamente interessante ma non mi trova d’accordo. Sostiene, riassumendo e banalizzando […]

Continua a leggere →

La fine della scuola


Oggi ultimo giorno di scuola e giorno di scrutini. Compiliamo le pagelle con i colleghi e scuotiamo la testa pensando a questa idiozia di dover segnare forzosamente come 6 anche le insufficienze, di dover commettere, per volontà ministeriale, un falso in atto d’ufficio. Ipocrisia, falso rigore, atteggiamento di facciata: questa è la burocrazia scolastica oggi. Presiede lo scrutinio la vice preside, perché il comprensivo più grande di Genova, situato in […]

Continua a leggere →

Perchè questa gente fa paura


Una piccola storia ignobile, un trafiletto sui giornali, una notizia apparentemente insignificante. Mi riferisco al fatto che l’Italia, per l’ennesima volta, ha respinto l’invito della comunità europea ad inserire nel codice penale il reato di tortura. Perché? Perché rifiutare un atto di elementare civiltà, l’inserimento di una norma che dovrebbe essere scontata in una democrazia. Perché? Forse perché presto o tardi verrà fuori che non siamo meglio degli americani e […]

Continua a leggere →