Le convergenze parallele di Di Maio e Zingaretti


Il Pd non riesce a convincere gli elettori di sinistra perché troppo appiattito sui Cinque stelle e coautore di una finanziaria senza coraggio che ha finito per scontentare tutti. Zingaretti sapeva che l’abbraccio con i grillini poteva essere mortale ma la spinta dei renziani è stata decisiva per formare, suo malgrado, l’alleanza tra due formazioni politiche con storia e obiettivi incompatibili.

Obiettivi forti come lo ius soli, o quel che è nelle sue varie declamazioni, l’abolizione dei due decreti sicurezza, un’azione decisa su scuola e sanità non sono neanche stati sfiorati dall’azione di un governo che ha preferito una logica giustizialista e di facciata, in puro stile Cinque stelle.

Di Maio, la cui statura politica è risibile, è convinto di essersi spostato troppo a sinistra e dimentica che l’emorragia di voti era già cominciata per l’incapacità sua e del suo partito di opporsi alla deriva a destra di Salvini e co. Di Maio sta svelando in queste ore la sua natura, non troppo distante da quella di Salvini, come si evince anche dalla sua storia familiare, e gli inutili e dannosi fascisti di spicco dei Cinquestelle, Paragone e Di Battista, uno un servo di ogni padrone e l’altro la prova che si può vivere anche senza pensare, gli mordono le caviglie perché rompa l’alleanza con il Pd, Pd che, nonostante, tutto, va detto, tiene.

La reazione impulsiva del leader grillino mostra la concezione di una politica che si fonda solo sul consenso e, quando questo manca, si scioglie come neve al sole. Di Maio non ha compreso che è stata la sua incapacità a rovinare il partito, la sua ottusa ostinazione a fare propaganda piuttosto che politica.

I Cinque stelle sono la dimostrazione che l’uomo della strada non può fare politica, che servono preparazione, competenza e visione d’insieme e a lungo termine, tutte doti che Di Maio non possiede neanche in minima parte.

Renzi ha poco da ridere. Da giorni sui social lancia messaggi su quanto è bravo e sulle cose che ha fatto, come se non fosse stato lui a dilapidare il patrimonio di consensi che aveva ottenuto. Renzi non ha ancora capito che non andrà oltre il 7/8% dei voti, che in una logica proporzionale gli permetterebbe di fare l’ago della bilancia ma solo con un Pd forte e in una coalizione di centro sinistra forte. Stesso discorso per Calenda, meno autocentranti di Renzi ma destinato come lui all’oblio se alle critiche non farà seguire proposte concrete e chiare che compattino il fronte della sinistra.

Renzi è l’unico, vero politico che c’è in quell’area, piaccia o non piaccia, a me non piace, ma, come una medicina amara, credo che sia necessario in questo momento per contrastare Salvini.

I duri e puri lo considerano uguale al leader leghista, ma sbagliano: essere liberali, essere perfino di destra, una destra moderna ed europea, è ben diverso dall’essere razzisti e fascisti, questo sarà bene che una parte della sinistra lo comprenda, quando questa finita alleanza finirà e si deciderà il futuro del paese alle elezioni.

Il voto in Umbria, conta poco: si tratta di una regione piccola, mal governata dalla sinistra e il risultato era prevedibile. Se cadesse l’Emilia Romagna, e vista la demenziale reazione di Di Maio non appare impossibile, sarebbe un altro discorso.

Una cosa è certa: l’interessa del paese passa in secondo piano rispetto all’interesse dei singoli partiti e questo spiega in buona parte la condizione del paese.

Adesso parliamo di Bibbiano


Bibbiano

Le indagini della magistratura hanno stabilito che l’85% delle richieste di affido da parte della cooperativa della Val d’Elsa, indagata per i presunti affidi ingiustificati, venivano regolarmente respinti dal giudice dei minori. Non esiste e non è mai esistito un sistema Bibbiano.

Ovviamente, se anche ci fosse stato un solo caso di affido ingiustificato, i responsabili vanno perseguiti secondo la legge, ma questo è un discorso che vale sempre.

Non mi risulta, a tutt’oggi, che la Bergonzoni, quella della ignobile pagliacciata in parlamento, con tanto di maglietta su Bibbiano, abbia chiesto scusa.

Non mi risulta, a tutt’oggi, che Salvini, quello dell’ignobile sceneggiata con bambina sul palco di Pontida, abbia chiesto scusa.

Non mi risulta a tutt’oggi, che Di Maio, quello che ha affermato che la sinistra toglie i bambini alle famiglie, abbia chiesto scusa.

Non  mi risulta a tutt’oggi che Di Battista, quello del libro che avrebbe rivelato la verità su Bibbiano, abbia chiesto scusa.

Mi risulta invece che i danni fatti da una politica stracciona, infamante, criminale, priva di scrupoli morali, di una bassezza inconcepibile, siano gravi. Si è creato un clima di sfiducia nei confronti dei servizi sociali, alimentato dai social e dai politici  sopra citati che ha costretto dirigenti più o meno pavidi, più o meno prudenti a rimettere in discussione altri dirigenti che, probabilmente, avevano svolto il proprio compito con scrupolo, fino a quando non è scoppiata la tempesta che ha fatto di tutt’erba un fascio.

Parliamo di Bibbiano, sì, parliamone adesso dati alla mano e contiamo i danni che questa politica ha causato a minori i cui affidi del tutto leciti sono magari stati bloccati per l’eccesso di prudenza di cui sopra, parliamo di una politica che dà voce a genitori impreparati, di cui non si discute l’amore per i figli ma il senso di responsabilità che comporta sì, parliamo di quanto costerà sulla lunga durata, in termini di delegittimazione dei servizi sociali e di aumentata conflittualità nei riguardi degli operatori questa squallida commedia recitata da persone senza onore e senza dignità.

 Parliamo di Bibbiano e della superficialità della gente, della cieca fiducia nelle parole dell’uomo forte del momento, della volgarità sui social, delle tante, troppe testimonianze di bambini strappati alle famiglie rese senza contestualizzare, di tutti quelli che hanno detto si sa che è così, ecc.ecc.

Parliamo di Bibbiano e di un’Italia brutta, cieca, cialtrona, ignorante, l’ITalia che ci circonda, perché tre persone su dieci sono come quelle lì, tre persone su dieci hanno detto ossessivamente ‘per settimane parliamo di Bibbiano, e adesso tacciono.

Parliamo di Bibbiano, parliamone adesso, e vergognatevi.

Il problema è non farli arrivare…o il problema sei tu?


Il problema è non farli arrivare, dice Di Maio dopo l’accordo stipulato dal governo sui migranti, su cui ho scritto ieri.

Trovo che siano parole terribili che, da un lato, strizzano l’occhio all’ala destra del movimento, sempre più di malumore, dall’altro denotano una mancanza di sensibilità sconvolgente in una persona stupida ma giovane come il ministro degli esteri.

Perché stiamo parlando di esseri umani sofferenti, uomini, donne, bambini in fuga dalla guerra e dalla morte per fame, non di pacchi di merci. Ecco, questa deumanizzazione costante a cui abbiamo assistito nell’ultimo anno, questa continua reificazione di esseri umani ridotti a rifiuti, a cose inutili e ingombranti, è terrificante, va contro tutto quello che, ogni giorno, quando entro in una classe, insegno ai ragazzi e alle ragazze che mi trovo di fronte, va contro tutto quello in cui ho sempre creduto: la solidarietà, la necessità di prendersi cura dell’altro, il concetto che i diritti degli ultimi sono i diritti di tutti.

Mi chiedo: può il Pd accettare dichiarazioni di questo tipo? Può il Pd tollerare un ministro degli esteri dannoso oltre che inutile?

Ma la sinistra oggi sembra più impegnata in una guerra fratricida a base di insulti tra renziani e non renziani che si rinfacciano colpe comuni, più che a migliorare questo paese.

Intendiamoci, non aumentare l’IVA e risanare, almeno un po’, il bilancio dello Stato va benissimo, ma lo Stato è fatto di persone e, in questo momento, lo Stato italiano è fatto, per una parte consistente, di persone parecchio brutte, alcune delle quali sono al governo, altre imperversano sui social insultando persone malate o ragazzine che chiedono politiche ambientali forti, altre ancora continuano a prendersela con i migranti.

Ci vorrebbe un nuovo umanesimo, un ritorno di valori che sembrano scomparsi. Bisognerebbe partire dalla scuola.

Questo governo dovrebbe occuparsi di riformare la scuola, cancellare la 107, uno dei motivi per cui sono felice che Renzi sia andato a terminare la sua carriera invero poco gloriosa nell’oblio, aprire un dibattito pubblico con chi la scuola la fa ogni giorno e decidere quali siano le priorità per tornare a formare cittadini attivi, pensanti, acculturati che possano diventare la classe dirigente di domani, cittadini migliori di Di Maio, insomma, non ci vuole molto. Ma di questo non si parla, non interessa al nuovo governo come non interessava al vecchio.

Mi sembra invece che la linea del governo sia quella di dare un corpo al cerchio e uno alla botte, non scontentare nessuno, rendersi impermeabili alle critiche facendo poco e strizzando l’occhio sia a destra che a sinistra. D’altronde, cosa ci si può aspettare da un esecutivo guidato da un mago del trasformismo, un uomo senza qualità buono per tutte le stagioni e tutte le bandiere?

Chi pensava che avessimo risalito la china, si sbaglia. Continuiamo a scendere, più lentamente, ma scendiamo.