La scuola che verrà.


scuola salvini

Da anni la scuola italiana sembra essere impegnata in una guerra contro l’intelligenza, la creatività e il buon senso che sembra, negli ultimi tempi, in procinto di vincere.

Basta pensare alle deliranti e inutili novità dell’esame di maturità, trasformato in un telequiz, alla scomparsa ingioustificata del tema di storia, alla sospensione della professoressa di Palermo, del tutto insensata, ai girotondi sulla mobilità e al numero esorbitante di insegnanti  che andranno in pensione grazie a quota cento, lasciando molte cattedre scoperte.

Dalla Buona scuola in poi, nelle scuole si vive male o bene a seconda che si capiti col dirigente e il o la vicaria “giusta”, un’alea che non dovrebbe esistere in una sitituzione che, a parole, dovrebbe garantire la stessa qualità d’insegnamento in tutte le sue diramazioni sul territorio nazionale.

Invece siamo soffocati da una burocrazia imbecille e del tutto inutile, la sinergia, scusate la parola, con agenzie del territorio fondamentali, come i servizi sociali o il tribunale dei minori, risente di rallentamenti biblici, sempre più spesso un insegnante si trova solo, con ragazzi che hanno problemi sempre più grandi, che chiedono risposte sempre più difficili da dare.

E Salvini, che per altro con la scuola non c’entra niente, che fa? In campagna elettorale tira fuori la vecchia storia dei tre mesi di ferie. Chiariamola per l’ennesima volta: io lavoro nella scuola media, dove sono in servizio attivo fino al trenta Giugno, quindi, a rigori, ho due mesi di ferie, tanto per cominciare, i colleghi delle superiori, che proseguono gli esami fino a Luglio, ne hanno ancora di meno. E’ il tempo minimo necessario per ricaricare le pile, smaltire le tossine acucmulate durante l’anno in un lavoro quotidiano che, per chi lo fa con coscienza, è psicologicamente, e di rimando, fisicamente, gravoso, a volte angosciante, quasi sempre frustrante. Ma cosa volete che ne sappia Salvini.

Forse sarebbe il caso di capire quale scuola ci aspetta, ora che Salvini governa il paese da solo, nella sostanza se non nella lettera. Una scuola in cui tornano i grembiuli? In cui gli insegnanti devono indirizzare il pensiero dei ragazzi verso ciò che piace al potere e non verso la libertà? Una scuola in cui non si parla di politica  e il mondo resta chiuso fuori, una sorta di torre d’avorio instabile, data la precarietà di molti edifici? Torneremo a dire una preghierina prima di cominciare le lezioni e a salutare la bandiera?

Non sono problemi da poco: la scuola rappresenta il futuro del paese, anche se nè le famiglie nè l’opinione pubblica sembrano rendersene conto. La scuola italiana è vecchia, ha programmi vecchi, insegna in modo vecchio, è protesa a mostrare con orgoglio una organizzazione vecchia, dirigenti e affini si sforzano di far vedere che tutto funziona alla perfezione quando non funziona niente: ogni ragazzo perso, perso, non bocciato, è una sconfitta per la scuola, non un peso di cui ci si è liberati, come pensano, a volte, certi colleghi, e di ragazzi la scuola italiana ne perde troppi.

Se poi un incauto insegnante cerca di innovare, di provare nuove strade, di azzardare uno scatto di fantasia, le possibilità sono due: o fallisce, e la colpa è tutta sua, o funziona e allora scatta il gioco delle invidie di corridoio, della burocrazia, del questo non si può fare.

Situazione che, presumibilmente, andrà peggiorando se le idee di alcuni sodali di Salvini, incapaci di comprendere che la scuola non è un parcheggio ma una palestra di vita, verranno realizzate.

In Inghilterra partirà dal prossimo anno in trecento scuole l’insegnamento della mindfulness, la meditazione di consapevolezza, come strumento per la prevenzione del bullismo. Funziona, viene sperimentata negli USA da anni sia nelle scuole sia negli ospedali come terapia per il trattamento delle tossicodipendenze, gli stati depressivi, le crisi di panico, ecc. Ci sono evidenze scientifiche, sperimentali, è uno strumento efficiente e testato. Io la pratico da anni e, spesso, ho avuto la tentazione di proporla in classe, ma ho sempre desistito: non mi va di essere preso per pazzo da famiglie e colleghi, come certamente accadrebbe. In Italia esistono associazioni di insegnanti che superano le loro remore e la propongono nelle classi ma vengono viste come associazioni esoteriche.

Questo è solo un piccolo esempio, marginale se volete, di come le buone int enzioni vengano frustrate dalla realtà della scuola italiana. Per non parlare delle difficoltà che ci si trova ad affrontare quando si prova a proporre didattiche innovative: cooperative learning, classe capovolta, fasce di livello; didattiche applicate da decenni ovunque che qui da noi reestano lettera morta per chiusura mentale di chi dirige le scuole e, a volte, di chi la scuola la fa e non ha voglia di uscire da una comoda routine.

Ma tutto questo a Salvini e  Bussetti non interessa, naturalmente e, purtroppo, neanche alle famiglie. Conta solo l’apparenza, per i primi e il voto in pagella, per i secondi.

Così creiamo generazioni di ragazzi sempre più smarriti, privi di punti di riferimento, incapaci di gestire l’affettività, allo sbando nelle strade della vita.

Ma della scuola, in fondo, importa solo agli insegnanti e neanche a tutti.

La Camorra va estirpata alle radici


Agguato a Napoli, ucciso colpo in testa, ferito fratello

Una bambina di quattro anni gravemente ferita, una sparatoria in mezzo a una strada affollata: “scene da medioevo” ha dichiarato il procuratore antimafia Cafiero de Raho, ma la soluzione non può essere solo delegata alle forze dell’ordine.

La Camorra è un male antico, la prima delle mafie, quella con la struttura più anarchica, legata a quella città a volte splendidamente anarchica che è Napoli. E’ anche la mafia più legata al territorio, che trova maggiore consenso sociale in una fascia di popolazione tagliata fuori dal luccicante mondo della globalizzazione e senza più alcun ascensore sociale che la porti fuori dalla propria condizione.

Esiste una cultura della Camorra, anche se l’associazione di queste due parole fa venire i brividi, veicolata da storie, canzoni, racconti; la Camorra ha i suoi cantastorie, i suoi eroi (ad. es.  Cutolo, personaggio assurto a dimensione mitica nell’immaginario camorrista), è una creatura antica e feroce, capace di rinnovarsi, anche perché tra le sue fila molti sono i giovani e i giovanissimi.

Basta leggere un recente studio del Prof. Ravveduto, docente di Public History presso l’Università di Salerno, riguardo il modo in cui i giovani camorristi utilizzano i social per veicolare la propria cultura, utilizzando il nuovo per trasmettere l’antico. (La google generation criminale: i giovani della camorra su faceboo. Di  Marcello Ravveduto)

La storia della Camorra è anche la storia di Napoli: di una promiscuità tra popolo e piccola e media borghesia che limitava l’espandersi della criminalità e la manteneva sotto una soglia di tolleranza accettabile e del successivo trasferimento dei boirghesi nella città lecita, con la trasformazione dei quartieri periferici e dei quartieri dormitorio in città illecita, dove la gente per bene non vive più ma con cui ha rapporti costanti, di affari, dove la gente per bene trasgredisce per poi tornare nella città legale e lasciare al proprio destino l’altra città.

Banalizzo e sintetizzo per dire che la storia dell’ascesa della Camorra va di pari passo con la marginalizzazione delle periferie e con il boom del traffico di droga, traffico che ha offerto un modo facile anche se rischioso per diventare qualcuno, una prospettiva di vita a generazioni di ragazzi delle periferie che non ne avevano altre. Il discorso vale per Napoli ma anche , con le dovute differenze, per Palermo, Catania, Bari, ecc.

Vale anche per le grandi città del nord: Milano, Torino, Genova, dove non a caso, la criminalità organizzata si è saldamente stabilita in periferia, mostrando nei centri la propria faccia pulita, evitando eccessi di violenza che al nord risulterebbero, per molti motivi, insopportabiie e provocherebbero reazioni sgradite da parte del tessuto sociale nel suo insieme.

Pensare di combattere la Camorra militarmente significa aver già perso la battaglia. Le mafie si combattono combattendo la corruzione, con politiche del lavoro sensate, risanando le periferie e offrendo a quei ragazzi una possibilità di vita diversa, con una presenza costante e capillare della scuola e dello Stato, uno Stato che non sia nè repressivo nè assistenziale ma efficace e presente.

La guerra contro le mafie è anche una guerra culturale, estirpare i frutti della cattiva pianta delle mafie non serve se non si tagliano le radici ma la politica, da decenni, sembra sorda e cieca di fronte al problema o, come in questi giorni, indifferente.

Un ministro degli interni che continua a fare campagna elettorale sproloquiando di grembiuli e castrazione chimica, che difende a spada tratta un sottosegretario che ha avuto rapporti, magari inconsapevolemente, con qualcuno vicino ad un capomafia latitante da quarant’anni, un ministro degli interni che non corre al capezzale di una bambina innocente che rischia di morire per l’ennesimo, brutale agguato di Camorra, è indegno di ricoprire quel ruolo e chi sta all’opposizione, invece di gridare più sicurezza, scimmiottando la destra con uno slogan che non significa nulla, dovrebbe chiederne le dimissioni immediate.

Le mafie e la cultura mafiosa, molto più diffusa di quanto si creda, non sono un problema italiano, sono il problema italiano insieme alla corruzione: le une senza l’altra non esisterebbero, non potrebbero stringere accordi con quella zona grigia fatta di insospettabili che è la loro vera forza, quella che oggi, gli permette di creare una rete di relazioni, fare affari, competere sul mercato con chi lavora onestamente.

Servirebbero persone capaci nei posti giusti, capacità di guardare lontano e senso dello Stato per combattere la battaglia contro le mafie e vincerla: non mi sembra che nè in questo governo nè nell’opposizione si trovino persone con queste caratteristiche. Intanto, a Napoli, si continua a morire per strada.