Idiocrazia


Ho grande stima di Giorgio Agamben, come è dovuta a uno dei più grandi filosofi italiani viventi che, con Homo sacer e altri suoi libri, ha coniato e perfezionato il concetto di “nuda vita”, salito alla ribalta con l’emergenza covid.

Tuttavia non sono del tutto d’accordo con lui, si parva licet, riguardo una certa idea di un potere più o meno occulto, vago, che userebbe l’emergenza covid come pretesto per limitare la socialità delle persone e trasformarle in tante monadi. Mi ricorda alla lontana il SIM delle Brigate rosse o la storia dei Savi di Sion.

A parte le ovvie obiezioni logiche ( perchè una società dei consumi, che basa il proprio sistema di controllo sulla massificazione e, quindi, sull’aggregazione di grandi fasce di popolazione in non luoghi per acquistare oggetti superflui, dovrebbe autocastrare limitando le fonti di guadagno?), credo che quanto accaduto qualche giorno fa a Capitol Hill dimostri che su questo, solo su questo, Agamben sbaglia, ma non significa che quanto paventa non possa verificarsi in un futuro prossimo venturo ( è argomento del mio prossimo libro che uscirà prossimamente, ne parleremo a tempo debito).

L’attacco dei seguaci di Qanon alla sede del potere degli Stati Uniti per contestare la legittima elezione del nuovo presidente, non è infatti l’attuazione di un qualche oscuro disegno, ma l’evidenza di quanto davvero il sonno della ragione generi mostri, come Unamuno aveva compreso dopo aver, per qualche tempo, flirtato con uno dei mostri peggiori del secolo scorso.

La rete, straordinario strumento polisemantico e polifunzionale, si è trasformato, da possibile incubatore di aggregazioni sociali inedite, oltre che strumento per combattere solitudine, depressione e isolamento, i mali del nostro millennio, in un inseminatore di ignoranza, uno stupefacente strumento pervasivo in grado di obnubilare menti deboli, già predisposte al diventare vittime di sette millenartiste perché prive degli strumenti culturali minimi per discernere il grano dal loglio e appesantite da anni di rabbia e frustrazione, e trasformare i possessori di quelle menti in gloriosi miliziani improvvisati che non hanno altra risorsa, se non la violenza, per far valere le proprie, inesistenti ragioni.

Abbiamo tutti sottovalutato il potere della rete, impegnati a deplorare le foto di Chiara Ferragni agli uffizi ( una che, al contrario di noi, la rete la usa benissimo e con grande intelligenza), o a promuovere manifestazioni contro un fascismo che resta marginale e che non c’entra nulla nè con i negazionisti nè tantomento con Trump e i Qanon.

Abbiamo irriso, da bravi radical chic, ai poveri beoti che si abbeveravano di deliranti storie sul povero Bill Gates, diventato nel loro immaginario uno sterminatore e Soros, diventato uno sponsor dell’invasione di migranti e del meticciato prossimo venturo, e adesso ci ritroviamo quei beoti ad assalire Capitol Hill con conseguenze a lungo termine imprevedibili per l’impero americano, ormai in palese e indubitabile declino.

Mentre l’Amerika degli anni della gioventù si è trasformata in una america, piccola piccola, vittima di un golpe Borghese riuscito a metà, noi sopportavamo Berlusconi, il crollo della sinistra, la sciagurata stagione del renzismo con la sua filosofia da lemming, che in questi giorni sta raggiungendo il culmine del masochismo, il governo della Lega e questo non governo, formato da un uomo per tutte le stagioni, un narcisista paranoide e autolesionista, una manica d’idioti e un leader politico simile al personaggio di Buzzati, che la sera andava a dormire riproponendosi di cambiare tutto e al mattino riprendeva la solita vita, lasciandoli passare davanti a noi come se non ci importasse, senza renderci conto, giustificati dalla paura del contagio, che il contagio dell’ignoranza e dell’idiozia dilagava più di quello del Covid. Siamo rimasti al caldo delle nostre comode case e abbiamo dimenticato la maledizione di Primo Levi.

Siamo arrivati a una vera e propria idiocrazia, che si riflette sugli illegibili articoli dei maggiori quotidiani che dovrebbero fare opinione e riportano opinioni improponibili di personaggi improponibili, sulla delegittimazione completa della scuola, con un finto ministro che delega al potere prefettizio l’assunzione di provvedimenti che definire improvvidi è eufemismo, sulle passerelle disturbanti e disturbate in una televisione trasformata in arena distopica dove non solo qualunque imbecille ha il suo quarto d’ora di celebrità ma può assurgere a opinion leader, basta che la spari sufficientemente grossa.

Abbiamo troppo spesso visto la pagliuzza negli occhi degli altri senza scorgere la trave nella nostra, dibattendo su questioni di lana caprina e ignorando il nocciolo della questione: l’ignoranza, che come una marea nera e venefica, dilagava nel nostro paese e tracimava, mentre noi eravamo convinti che si sarebbe sciolta da un momento all’altro.

L’immagine del Qanon ucciso da un infarto causato dal taser che si è, involontariamente, sparato nei testicoli, è il simbolo tragico della nostra società, il triste epilogo di un’epoca.

Da domani e per cinque giorni, potrete scaricare automaticamente l’ebook da Amazon.

Il relativismo morale della sinistra italiana


I decreti sicurezza sono ancora in vigore.

Qualunque cosa dica Zingaretti, che ha la faccia di affermare che lo sbarco dei profughi della Ocean Viking dopo giorni di patimento in mare rappresenta una discontinuità col passato, i decreti sicurezza sono ancora in vigore ed è uno dei motivi, anche se venissero abrogati o più probabilmente modificati prossimamente, per cui non voterò Pd nè nessuno dei partiti di sinistra presenti in parlamento, con buona pace di chi sui social mi taccia di comunismo.

Da tempo mi sono reso conto che per la sinistra italiana, tutta, esiste un relativismo morale dalle maglie molto larghe, per cui se certe azioni le fanno gli altri sono deprecabili e da condannare, se le stesse azioni le fa la sinistra allora sono giustificate dalle circostanze.

I decreti sicurezza sono ancora in vigore.

Personalmente, questo modo di fare mi fa schifo e non me ne frega niente se con il mio non voto favorirò la destra perché tanto, Pd e compagnia bella, sono solo un’altra destra, un po’ più elegante, un po’ meno volgare, altrettanto inconsistente politicamente.

I decreti sicurezza sono ancora in vigore.

Il clientelismo, la corruzione, i favori agli amici degli amici sono trasversali nel nostro paese e da quando il Pd è tornato al governo, senza Renzi, che non fa più schifo di Zingaretti, pari sono, dice solo quello che Zingaretti non può dire ma fa, il finanziamento alla scuola privata di queste ore ne è un esempio, non c’è un provvedimento di questo governo che vada a favore dell’equità fiscale, della lotta all’evasione, di un contrasto deciso alla criminalità organizzata. Non c’è un provvedimento che non favorisca i furbi e vada a vantaggio degli ultimi. La farsa della regolamentazione dei migranti per il tempo di farsi schiavizzare nei campi è un esempio.

I decreti sicurezza sono ancora in vigore.

Una sinistra che a Genova e in Liguria, di fronte al peggior sindaco e al peggior governatore degli ultimi anni, spalleggiati e favoriti da tutti i giornali cittadini, non riesce a proporre un candidato valido per le prossime elezioni regionali e addirittura cerca l’alleanza con Renzi, il responsabile del disastro ligure, che ha la faccia di rivendicare la candidatura della Paita come se tutti i liguri avessero la memoria del pesce rosso, farebbe bene a sciogliersi e disperdersi nei Cinque stelle, con cui ha in comune la concretezza politica e la chiarezza di idee, o dove diavolo vuole, ma la pianti di umiliare chi ancora crede, illudendosi, in certi valori.

L’unica possibile alternativa è la destra? No.

In questi giorni ricorre l’anniversario della morte di Alexander Langer, un visionario, un costruttore di pace che alle chiacchiere preferiva i fatti. Creatore del movimento ecologista in Italia, è una figura troppo presto dimenticata, che molto avrebbe da insegnare a chi oggi fa politica. Un uomo che ha fatto della mediazione e del dialogo la propria arma, un uomo che riusciva a trovare punti in comune anche tra posizioni in apparenza inconciliabili. Un uomo che prima di uccidersi ha lasciato scritto che quello che contava era il cammino intrapreso.

Domenico Lucano aveva creato un modello di integrazione esportabile e virtuoso che la Sinistra, continuiamo a chiamarla così ma di sinistra non ha nulla, non ha avuto il coraggio di abbracciare, anzi, è arrivata al punto di ripudiarlo. Per altro Lucano ha agito seguendo la linea nobile della disobbedienza civile, quella di Danilo Dolci, per parlare di un altro padre nobile dimenticato da un’intellighenzia, ormai fossilizzata in schemi stantii e vecchi, protesa più a tutelare la propria rete clientelare che a lavorare per il bene del paese.

I padri nobili ci sono, le persone che hanno dato l’esempio anche, ci vuole però il coraggio di lasciarsi il passato alle spalle e ricominciare a sognare, a costo di perdere oggi per vincere domani.

Personalmente, voterò in Liguria e, quando sarà, alle nazionali, chi metterà al primo posto la tutela del territorio, le energie alternative, l’equità fiscale, la lotta alla criminalità organizzata, un nuovo modello di istruzione pubblica, la riorganizzazione della sanità pubblica, e se nessuno lo farà, mi asterrò. Sono i punti che ha ribadito, qualche giorno fa, Gianni Letta, odiatissimo dai duri e puri, ma l’unico che sarebbe in grado, a parere di chi scrive, di tirare fuori il paese dal pantano. Insieme a lui mi piacerebbe tornasse alla politica Civati, uomo di principi e valori antichi, radicati nel Dna di chi crede ancora possibile l’esistenza di un partito di sinistra in un mondo ormai fatto su misura per i potenti.

C’è bisogno di fare tabula rasa in questo paese, di ricominciare da zero. Non è con i giudici che si combatte il fascismo o qualunque cosa sia l’onda di sterco montata da Salvini e compagnia, ma con una politica diversa, che torni a guardare ai veri motori del progresso, i poveri cristi sfruttati, umiliati e offesi in ogni parte del mondo. I nazisti dell’Illinois sono pagliacci che scompariranno nell’oblio, il problema è non sostituirli con altri pagliacci.

Non è restando fedeli alla linea che si fa il bene del paese perché la linea non esiste più da tempo, si è persa nel vento come le risposte che continuiamo a cercare. È tempo di rabbia e di richieste forti e chiare, come quelle che nel silenzio mediatico ha fatto ieri a Roma Aboubakar Soumahoro.

A proposito: i decreti sicurezza sono ancora in vigore.

Ma oggi, come ieri, la speranza è nei prolet.

L’ennesima occasione persa per cambiare la scuola


Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Questo lungo periodo di sospensione delle attività scolastiche in presenza avrebbe potuto rappresentare l’occasione di avviare quel dibattito sulla scuola pubblica che attendiamo da anni, per poter cominciare un percorso di cambiamento ormai non rimandabile e non necessariamente legato all’uso delle tecnologie.

Parlo di scuola pubblica e ho trovato particolarmente irritante e squallido sia l’ennesima richiesta di emolumenti da parte di Renzi alle scuole private, che non stupisce da uno abituato ad ascoltare la voce del padrone, sia la pronta risposta dell’esecutivo che ha stanziato, in violazione della costituzione, quaranta milioni di euro sottratti alla scuola pubblica.

Parlo di scuola pubblica, parte fondamentale del welfare in ogni paese d’Europa tranne che in Italia, dove la guida del ministero è stata affidata a un ministro abbastanza ingenuo da dire stupidaggini e abbastanza arrogante da tentare di giustificarle con improbabili citazioni colte ( mi riferisco all’imbuto).

La scuola pubblica va avanti, nonostante nessuno stia dalla sua parte, nonostante i contratti bloccati e le risorse scarse continua a tentare di fare la sua parte e ci riesce. Perché la Dad tanto odiata funziona, non benissimo, sarà da regolare e da controllare, ma funziona. Strumento d’emergenza sì, ma che usando un po’ di intelligenza, qualità da tempo assente nelle sale del ministero, potrebbe rappresentare un valido complemento alla didattica tradizionale, a patto che la didattica tradizionale cambi e cambi con essa anche la valutazione.

Perché, cari colleghe e colleghe, al netto di interventi retorici e tediosi sui social, la scuola da anni non funziona più nel nostro paese, ha perso la connessione con un mondo che cambia velocemente, non riesce più a trovare i giusti interruttori per accendere i ragazzi. La scuola italiana è vecchia, classista, meritocratica, a pagarne le deficienze sono da sempre i più deboli e chi fa questo mestiere se ha un minimo di onestà intellettuale non può che convenirne.

Non funziona più uno strumento obsoleto e morto come la lezione frontale, non funziona più tenere sei ore i ragazzi seduti nei loro banchi, pretendendo anche silenzio e attenzione di fronte a programmi scollati dalla realtà, distanti dal loro mondo, sovrabbondanti di nozioni inutili.

Non sto dicendo che, per esempio nel mio campo, non si debba studiare i classici, mai come oggi Boccaccio o Manzoni sono attuali, come è attuale anche Dickens, con le sue storie di bambini sfruttati o Dostojevsky, con i suoi dilemmi etici, sto dicendo che bisogna trovare nuove chiavi di lettura, un nuovo modo di proporre quello che i grandi del passato hanno detto attualizzandolo ai nostri tempi. La tecnologia, l’utilizzo intelligente del cinema e dei media, possono fornire un contributo preziosissimo se diventano strumenti sistemici e non risorse da utilizzare una tantum, quando non si sa cosa fare in classe.

Invece cosa facciamo sui social? I luddisti.

Sarebbe necessario cominciare a parlare di classi formate per fasce di livello, di didattica capovolta, di scrum, la metodologia usata nei gruppi di lavoro informatici per raggiungere gli obiettivi prefissati. Sarebbe necessario tornare a parlare di orario scolastico e di tetti di alunni per classi, inserire nel nuovo contratto, da firmare al più presto protocolli chiari su tempi e modi della didattica a distanza, valorizzare al meglio quel privilegio fantastico che è la libertà d’insegnamento.

Va rinnovata e potenziata l’integrazione dei ragazzi con disabilità, il fiore all’occhiello della nostra scuola.

I ragazzi vanno messi al centro del dibattito, devono trovare nella scuola un tempo attivo invece del non tempo con cui la vivono di solito. Soprattutto, la scuola deve tornare a sviluppare lo spirito critico, a osservare la società, coglierne i punti deboli e discuterne con i ragazzi, perchè il tempo è dalla loro parte, perché sta a loro cambiare le cose.

Le modalità di valutazione che usiamo oggi sono prive di senso: la valutazione per competenze è solo una parola, che presupporrebbe una rivoluzione vera e prova nel modo di concepire la scuola, la valutazione sommativa è comoda per le famiglie ma avvilente per i ragazzi che si trovano a vedere i loro sforzi ridotti a un numero che, di per sé, parliamoci chiaro, non significa niente, misura la performance del momento e tutti sappiamo che non è da un calcio di rigore che si giudica un giocatore.

La valutazione formativa è probabilmente un’opportunità di cominciare a scardinare il sistema dall’interno, di leggere i ragazzi con un altro sguardo di trovare negli errori non qualcosa da sanzionare ma un percorso da cominciare. Sociolinguistica, nasce negli anni settanta negli Stati Uniti e parte dalla sociolinguistica l’integrazione dei ragazzi neri nelle scuole americane.

Il ragazzo che con un software fa finta gli cada la linea durante la lezione on line o l’interrogazione, è senza dubbio irritante ma dimostra iniziativa e una intelligenza che andrebbe valorizzata, indirizzata su un’altra strada meno nefanda e più produttiva.

Con questo ministro e questa classe politica difficile si possa avviare un discorso che avrebbe bisogno di interlocutori di ben altro livello, ma resta la rabbia per l’ennesima occasione persa, per non aver trovato in un evento tragico la possibilità di ricominciare su nuove basi.

No, per la scuola, non andrà tutto bene. Come sempre.